Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INFRASTRUTTURE

Mercato delle torri, Italia protagonista

Il vicepresidente Cellnex Francisco Reyne’s: “Sempre interessati, puntiamo a svolgere il ruolo di leader neutrale”. Ei Towers, sfumati gli ultimi tentativi di takeover, potrebbe guardare all’estero. Kepler Cheuvreaux “Fiduciosi su Inwit. Domanda positiva e alta visibilità sui ricavi”

08 Set 2016

A.S.

Cellnex rimane concentrata sul mercato italiano delle torri. Ad affermarlo è il vicepresidente Francisco Rayne’s, che è anche amministratore delegato di Abertis: “Fin tanto che ci sono delle possibilità – annuncia nel corso di una conferenza stampa a Verona per illustrare l’acquisizione da parte di Abertis del 51,4% di A4 holding – le analizzeremo così come in Francia e in Olanda”. “In Italia siamo presenti e vogliamo svolgere un ruolo di leader neutrale – aggiunge ricordando l’interesse manifestato per Inwit e per le torri di Wind – ma non siamo interessati solo all’Italia, siamo interessati a crescere nel mondo”.

Un altro protagonista del mercato italiano delle torri, Ei Towers, società partecipata da Mediaset, potrebbe concentrarsi su nuove opportunità all’estero. Dopo che Inwit è stata ”tolta definitivamente o almeno nel medio periodo dal processo di vendita”, spiega il ceo Guido Barbieri a margine dell’Italian infrastructure day, e il takeover sfumato su Rai Way, “con cui non c’è più niente di concreto”, “se ci sono altre opportunità le valuteremo – conclude Barbieri – ma in una logica che preveda prezzi e sviluppo corretti”.

A confermare il fatto che il mercato delle infrastrutture di trasmissione sia in Italia uno di quelli a cui gli investitori guardano con attenzione ci sono anche alcune analisi di Kepler Cheuvreux, che ha rivisto al rialzo il rating di Ei Towers (da hold a buy), e che ha alzato il target price di Inwit da 4,4 a 5,2 euro, arrivando nello scenario più ottimista a salire fino a 5,8 euro. “Siamo fiduciosi – affermano gli analisti – rispetto al raggiungimento dei target del business plan, grazie alla domanda dei mercati estremamente positiva e all’alta visibilità sui ricavi”.

Articolo 1 di 5