Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

MERCATO

Merrill Lynch: “Rete Tim barriera anti-Iliad”

La banca d’affari piazza il titolo della telco fra quelli europei più in forma per l’inizio del nuovo anno. Previsioni positive per il 1° trimestre 2017. Ebitda stimato in crescita spinto dalla “ristrutturazione in corso nel business domestico”

03 Gen 2017

Andrea Frollà

Merrill Lynch scommette su Telecom per il primo trimestre 2017. La telco guidata fa Flavio Cattaneo fa parte della top ten dei titoli europei su cui la banca d’affari americana prevede andamenti positivi nei primi tre mesi dell’anno. Le uniche due compagnie italiane individuate dagli analisti di Merrill Lynch sono Luxottica e appunto la società di telecomunicazioni, per la quale l’istituto prevede “una crescita dell’ebitda grazie alla ristrutturazione in corso nel business domestico”.

Ma non è tutto perché a convincere la banca Usa, si legge nell’analisi, è anche la qualità della rete di Telecom, che potrebbe fare da anticorpo anti-francese svolgendo il ruolo di “importante barriera alla potenziale discesa dei prezzi in caso di lancio aggressivo di Iliad”.

Il report di Merrill Lynch, che secondo Repubblica ospiterà la presentazione del piano industriale della telco nella propria sede newyorkese, è positivo anche sul Brasile, rispetto al quale ci si attende un potenziale di recupero in uno scenario macroeconomico più stabile, e più in generale sul primo piano firmato da Cattaneo, che secondo gli analisti dovrebbe garantire “un rialzo nei target di razionalizzazione dei costi e del capex (spese per capitale, ndr) accanto ad una visione più ottimistica di medio termine di crescita e di una potenziale riduzione dell’indebitamento”.

Intanto, come emerge dal verbale della riunione del cda nell’ultima riunione del 16 dicembre, Telecom ha rinnovato l’autorizzazione ad emettere bond, con termine al 28 febbraio 2018, fino a 3 miliardi di euro, e deliberato di autorizzare l’emissione di prestiti obbligazionari non convertibili per altri 3 miliardi di dollari.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link