Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Microsoft: “Android sfrutta le nostre innovazioni”

Il rappresentante legale Horacio Gutierrez accusa Google: “Copia i brevetti scatenando continue dispute”

02 Nov 2011

Il software Android di Google sfrutta le innovazioni sviluppate da
altre aziende, come Microsoft. A dirlo, in un’intervista con il
San Francisco Chronicle, è Horacio Gutierrez, deputy general
counsel del colosso di Redmond, secondo cui la piattaforma di Big
G "copia" alcuni suoi brevetti, scatenando continue
cause legali.

Per Gutierrez la protezione dei brevetti è necessaria per
garantire alle aziende l’incentivo a spendere milioni di dollari
e anni di lavoro sui nuovi prodotti. E mettere il copyright sul
software è necessario, perché gran parte dell’attenzione del
mercato si è spostata dall’hardware al software:
"Brevettare il software significa mettere al sicuro gran parte
dell’innovazione tecnologica che si fa oggi”.

Gutierrez afferma che Microsoft ha sviluppato e brevettato
funzionaità chiave degli smartphone, come la possibilità di
sincronizzare i contenuti che si conservano in un telefono con le
informazioni del server aziendale o del computer di casa, e molte
altre “feature che rendono il cellulare più efficiente”.
Gutierrez sottolinea che gli smartphone sono ormai dei veri
computer con un sistema operativo molto sofisticato. “Non si
tratta di una funzionalità singola, ma di un insieme che
costruisce la user experience”, dichiara il capo legale di
Microsoft.

Sono numerose le cause brevettuali che attaccano Android, mosse non
direttamente contro Google ma contro i produttori dei device basati
sulla sua piattaforma, come Samsung e Htc. Gutierrez respinge
tuttavia l’accusa secondo cui Microsoft starebbe conducendo una
vera crociata contro Android. Semplicemente, "Quando ci sono
tecnologie veramente rivoluzionarie, è naturale che sorgano lotte
sui brevetti”, afferma. E ammette che ogni azienda potrebbe usare
aspetti diversi di una stessa tecnologia, rendendo molto difficile
stabilire la violazione di copyright.

Google sa di essere vulnerabile di fronte alla cause sulla
proprietà intellettuale, perché possiede un portafoglio di
brevetti meno ricco delle rivali. Anche per questo ha deciso di
acquistare Motorola Mobility ad agosto e si è sempre espressa
contro le dispute legali: a luglio il rappresentante legale di
Mountain View Kent Walker ha dichiarato che “Le cause brevettuali
soffocano l’innovazione”.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link