Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Missione italiana per C&W. Milano quartier generale d’Europa

L’azienda punta a crescere sul mercato locale. Cantuniar: “Italia ponte verso Asia e Nord Africa”

28 Apr 2010

Cable&Wireless Worldwide rafforza l’impegno in Italia.
L'azienda infatti ha annunciato l'investimento in un
headquarter a Milano con l'obbiettivo di rafforzare il mercato
locale. I nuovi uffici saranno anche base per lo staff strategico
di Cable&Wireless Worldwide a livello europeo, tra cui il Vp
Carrier Business Europa e i responsabili Emea Pre-sales and
Services.

"Cable&Wireless Worldwide si posiziona in maniera ideale per
una continua espansione in Italia. Dalla nostra postazione di sesto
esportatore più grande del mondo valutiamo l'Italia terreno
fertile per la futura domanda di connettività internazionale –
spiega la società in una nota -. Non appena le aziende italiane
usciranno dalla recessione e torneranno a crescere a livello
internazionale la loro capacità di connettersi sarà la chiave del
successo al di fuori del Paese".

Grazie alla fornitura di una gamma di servizi e applicazioni di
gestione voce, dati e IP based di alta qualità Cable&Wireless
Worldwide aiuterà gli operatori di telefonia attivi sul mercato
italiano a competere con i player internazionali, consentendo loro
di offrire una connettività globale senza dover espandere le
proprie reti.

“Milano è una città strategica per noi – spiega Nic Cantuniar,
Vice President Carrier Sales Emea di Cable&Wireless Worldwide -. Il
suo patrimonio e la sua forza nel settore della moda implicano che
molte aziende abbiano partner e filiali in Asia, una regione in cui
Cable&Wireless Worldwide è particolarmente forte. Grazie al nostro
network è possibile raggiungere queste ed altre aree chiave per il
mercato italiano come il Nord Africa, l’India e l’Est Europa.
Siamo il partner ideale per l’espansione internazionale delle
aziende italiane".

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link