Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nel 2009 venduti in Italia 12 milioni di prodotti

08 Apr 2010

Prosegue la digitalizzazione della penisola italiana e un ruolo
importante è svolto da Samsung, società leader nell’elettronica
di consumo e tecnologie digitali. Nel 2009, infatti, Samsung
Electronics Italia ha venduto nel nostro paese circa 12 milioni di
prodotti in totale tra televisori, cellulari, videocamere,
fotocamere, notebook, stampanti ed elettrodomestici solo per
citarne alcuni.
Prendendo come riferimento i dati Istat, 24 milioni di famiglie
italiane, si può quindi affermare che in Italia ben una famiglia
su due ha acquistato un prodotto Samsung nell’anno appena
concluso.

Si tratta di un dato che conferma il sempre crescente legame dei
consumatori italiani nei confronti del brand Samsung, diventato
negli ultimi anni icona di riferimento grazie alla tecnologia
innovativa e design accattivante dei propri prodotti.
Considerando invece gli ultimi 4 anni, ovvero dal 2005 al 2009,
sono circa 44 milioni i prodotti venduti nel nostro paese dalla
società: in pratica 3 italiani su 4 ha acquistato un prodotto a
marchio Samsung in questo periodo di tempo, ovvero quasi due (1,85)
per ogni famiglia.

Dati confermati dalle quote di mercato: secondo i dati Gfk
aggiornati a dicembre 2009, Samsung Electronics Italia è leader
nel mercato dei televisori Lcd, con una quota di mercato 2009 a
valore pari al 41,3%, Plasma con una quota di mercato a valore del
37,1% e Led con una quota di mercato a valore di 75,6%. I prodotti
di punta della divisione Home Appliances sono i frigoriferi side by
side, con una quota di mercato 2009 di valore pari al 36,9%. La
divisione Telecommunication è al secondo posto nel mercato della
telefonia mobile in Italia con una quota di mercato 2009 pari al
23,9% per valore e 26% per quantità. Sono i Netbook, invece, a
trascinare la divisione Information Technology, grazie a una quota
di mercato, a valore, del 17,1%.