Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

AGCOM

Organo vigilanza rete Tim, Maurizio Mensi nuovo presidente

Si rinnova il board dell’ente che vigila sulla parità di accesso alla rete istituito da Agcom. Entrano i due nuovi consiglieri Francesco Sclafani e Gianni Orlandi, che si aggiungono ai due indicati da Telecom Italia, Giovanni Amendola e Fabio Di Marco

21 Dic 2017

Nuovo board per l’Organo di vigilanza sulla parità di accesso alla rete Tim istituito dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e preposto a vigilare, in autonomia e indipendenza, sugli obblighi di parità di trattamento e non discriminazione relativi alla rete. L’Autorità ha designato come nuovo presidente Maurizio Mensi, che succede a Michele Polo, a sua volta subentrato ad Antonio Sassano.

Insieme al nuovo Presidente l’Autorità ha designato due nuovi Consiglieri, Francesco Sclafani e Gianni Orlandi, che si aggiungono ai due indicati da Telecom Italia e già presenti nel Board, Giovanni Amendola e Fabio Di Marco.

In occasione della prima riunione l’Organo di vigilanza ha avviato un’istruttoria volta a verificare presunti disservizi causati da Telecom Italia Wholesale e lamentati da Wind Tre nell’audizione del 22 novembre scorso.

Inoltre è stata acquisita la documentazione di Tim relativa alle altre istruttorie in corso di svolgimento, ai fini degli approfondimenti e delle determinazioni di competenza.

Mensi ha dichiarato di “voler proseguire il lavoro svolto dal precedente Consiglio, attribuendo rinnovato vigore al ruolo dell’Organo di Vigilanza che, operando in un complesso e articolato contesto di riferimento, verificherà con rigore il rispetto delle regole da parte di Telecom Italia. Ciò allo scopo di fornire il proprio contributo tecnico per un mercato realmente concorrenziale”.

Nella stessa seduta, al fine di consolidare i risultati sinora raggiunti e rafforzare l’efficacia dell’attività di vigilanza, è stato deciso di ampliare il coinvolgimento degli Operatori alternativi e intensificare il confronto già avviato con l’Autorità, attraverso regolari incontri e consultazioni, anche con la Commissione europea. L’Organo di vigilanza infatti, oltre a supportare l’Autorità con specifiche attività di analisi e studio, ha il compito di procedere di propria iniziativa o su segnalazione di terzi alla verifica della violazione, da parte di Tim, degli obblighi regolamentari in materia di non discriminazione previsti dalla Delibera n. 632/15/CONS, riferendone gli esiti all’Autorità e al Consiglio di Amministrazione di Tim.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
mensi
O
odv

Articolo 1 di 5