Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Paradigma touch: mouse e tastiera verso la pensione

Secondo stime di Gartner, l’impatto dell’iPad sul mercato provocherà profondi mutamenti tecnologici. Il multitouch destinato ad affermarsi come nuovo standard

10 Ott 2011

Il multitouch figlio dell’iPad sarà il paradigma tecnologico
dell’hitech del futuro. Lo prevede Gartner, secondo cui i
consumatori nel prossimo futuro si orienteranno sempre più verso
tablet e smartphone con interfacce basate sul touch. Si
preannunciano quindi tempi duri per i paradigmi tradizionali, fatti
di tastiere e mouse, che di fatto andranno rapidamente in
pensione.

Queste le conclusioni del report di Gartner battezzato "iPad
and Beyond: What the Future of Computing Holds”, un’analisi
delle conseguenze dell’iPad sull’industria dell’hardware e
sull’impatto della tavoletta di Cupertino sul settore dei tablet
e dei computer.

“Nei prossimi 10 anni, i tablet produrranno mutamenti importanti
nella forma dei computer; il design modulare consentirà ai tablet
di caricarsi di nuove funzioni, diventando la piattaforma di
controllo e il punto di connessione fra prodotti di elettronica e
computer – dice Angela McIntyre, research director di Gartner –
il tablet sostiuirà gran parte dei gadget tecnologici che la gente
porta con sé. Pc simil tablet, sottili e leggeri, prenderanno il
posto dei computer vecchio stile, che oggi sono ancora la
norma”.

Il tablet, in un prossimo futuro, finirà per sostituire il
navigatore in auto, potrà diventare il centro di raccolta dei dati
sanitari delle famiglie, il proiettore di content multimediale in
casa.

Un trend ben noto ai produttori di Pc e di elettronica di consumo,
che stanno incorporando nei nuovi device le funzioni più popolari
dell’iPad. In particolare, il Multitouch è già diventato la
tecnologia di riferimento di smartphone e tablet e si estenderà
anche all’elettronica di consumo e ai Pc.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link