Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

BANDA LARGA MOBILE

Patuano: “Altri 500 milioni per l’Lte”

Dopo l’esborso di 1,2 miliardi per l’acquisizione delle frequenze, l’amministratore delegato di Telecom Italia annuncia il piano triennale di investimenti per la realizzazione della nuova rete. Intanto dopo Torino parte il test pilota a Roma

06 Mar 2012

P.A.

In tre anni contiamo di investire intorno ai 400-500 milioni di euro, che andranno ad aggiungersi agli 1,2 miliardi messi in campo per acquisire le frequenze Lte, andando a coprire il 50% della popolazione”. Lo ha detto ieri Marco Patuano, amministratore delegato di Telecom Italia, al Sole 24 Ore a margine del lancio del test pilota a Roma, che arriva dopo quello di Torino.

In attesa della liberazione delle frequenze a 800 Mhz da parte delle tv locali all’inizio del 2013, Telecom Italia sta “sviluppando il servizio sulle frequenze a 1800 e 2.600 Mhz già disponibili – dice Patuano – e se ci renderemo conto che la qualità del servizio è ottimale potremo anche partire per la campagna a Natale”.

In ogni caso, i servizi di larga banda mobile a 100 megabit saranno disponibili tra la fine del 2012 e il 2013. Il trend di internet mobile è segnato. “Tra cinque anni – chiude Patuano – il traffico di trasporto sulla rete mobile potrà superare fino a 18 volte i livelli attuali”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

L
Lte
M
marco patuano
T
telecom italia

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link