Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

M-PAYMENT

PosteMobile, pagamenti “contactless” al via

Parte a dicembre a Milano la vendita delle sim con tecnologia Nfc integrate con BancoPosta, abilitate al pagamento di bollettini e acquisti via cellulare

17 Ott 2012

P.A.

Poste Italiane apre ai pagamenti “contactless” tramite tecnologia Nfc (Near field communication). La nuova soluzione consentirà di fare shopping nei negozi abilitati, pagare gli acquisti e i bollettini postali via telefonino, grazie all’integrazione tra i servizi di PosteMobile e quelli di BancoPosta. A breve, la tecnologia Nfc sarà in dotazione anche negli uffici postali e sui palmari dei portalettere telematici per consentire ai clienti il pagamento di bollettini, raccomandate o pacchi tramite cellulare. La commercializzazione delle sim abilitate partirà a dicembre negli uffici postali di Milano.

Grazie all’Nfc, il cellulare potrà contenere anche altri servizi servizi contactless come il biglietto dell’autobus, il badge aziendale e i documenti d’identità. Le prime sperimentazioni in questo senso sono partite a maggio.

Poste Italiane sarà dunque la prima a offrire alla propria clientela l’intera piattaforma di servizio: l’esclusiva scheda Sim PosteMobile permetterà di utilizzare il telefonino come mezzo di pagamento nei punti vendita abilitati e negli uffici postali, al tempo stesso, la rete di uffici postali adotterà la tecnologia Nfc per accettare il pagamento via cellulare per operazioni postali, finanziarie o per ricarica della Sim o delle carte prepagate Postepay. Il meccanismo di pagamento prevede che il cellulare venga avvicinato all’apposito Pos abilitato.

Per gli importi fino a 25 euro non ci sarà neppure la necessità di digitare il Pin, che resta invece obbligatorio per importi superiori. Nel prossimo futuro l’applicazione Nfc consentirà anche di rendere disponibili sul cellulare anche servizi di e-Government della PA per l’identificazione e il riconoscimento digitale, smaterializzando e trasferendo direttamente sulla Sim la carta d’identità, il passaporto, la tessera sanitaria, la patente e la firma elettronica.