Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SERVIZI INTERNET

Chiriatti (Assob.it): “Così si fermano i neo-latifondisti dell’informazione”

Parla il manager, componente dell’associazione: “Si è esclusi per incapacità o per dotazioni: non è una società moderna e civile. L’articolo 3 del testo evita penalizzazioni”

07 Lug 2016

Federica Meta

“La Rete è un bene pubblico e nessuno ne deve essere escluso”. Massimo Chiriatti, membro di Assob.it – l’associazione che promuove le tecnologie blockchain – commenta a CorCom la proposta di legge Quintarelli sull’accesso ai servizi Internet e sulla net neutrality.

Come giudica l’obiettivo del testo di legge?
Assistiamo a precisi attacchi alla rete: per esempio le app possono isolare gli utenti dal web, i fornitori di connettività possono filtrare i dati, i motori di ricerca selezionano a priori i contenuti; tutto ciò mina la neutralità della rete. Se queste disposizioni ci aiutano a misurare e a sanzionare nei fatti i comportamenti nocivi di chi ostacola la concorrenza, allora sarà una buona legge.

Perché è necessaria una legge di questo tipo?
La rete è considerata un bene pubblico con caratteristiche di non escludibilità, così come non possiamo escludere un cittadino dall’usufruire del servizio di difesa nazionale promosso dallo Stato. Tutti ne hanno diritto e non è possibile esserne esclusi o limitati. Sull’accesso alle informazioni dobbiamo stare ancora più attenti.

Quali vantaggi ci saranno per i cittadini?
Prima di tutto si fermano i “neolatifondisti” dell’informazione. Se si è esclusi per incapacità o per dotazioni iniziali non è una società moderna e civile. Ancor peggio se si è limitati solo per il tipo di contenuto trasportato. Con l’art. 3 i cittadini eviteranno penalizzazioni dovute a discriminazioni sulla priorità del traffico decise arbitrariamente da parte del fornitore di accesso alla rete.

Perché le aziende – telco soprattutto – dovrebbero vedere di buon grado questa legge?
Si può notare come i servizi degli Ott e accesso alla rete da parte delle telco siano assimilabili al concetto di “beni complementari”. La caratteristica dei beni complementari è che la domanda di uno aumenta quando il prezzo dell’altro diminuisce. La relazione reciproca è nella natura della rete ma, dato che è fatta di persone, ciò significa che è sempre minacciata da ipotesi di muri virtuali come i “walled garden”, ossia ostacoli tecno-economici come la “non neutralità” della rete.

Quale vantaggi per le imprese Ict?
Enormi. La “stupidità” della rete (nel senso che ora l’intelligenza è agli estremi) ha avuto come conseguenza la separazione tra rete e servizio. Ora che l’intelligenza non è più nella centrale telefonica, le telco sono in grande difficoltà, perché i servizi sono offerti da nuove imprese globali che innovano con grande velocità. Si lascia al mercato (sul piano generale) e all’innovazione da parte dell’imprenditore (sul piano particolare) la libertà di scegliere quale servizio offrire, senza preoccuparsi di ostacoli fittizi posti dalle telco solo per proteggersi da rendite di posizione.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
assob.it
S
servizi internet

Articolo 1 di 5