Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PIANO

Prysmian, scatta l’ora dei dipendenti-azionisti

Il gruppo vara il secondo piano di azionariato destinato ai suoi addetti. E intanto spinge sulle risorse umane qualificate: in cantiere l’assunzione di 50 talenti

28 Nov 2014

F.Me.

La campana dei dipendenti azionisti suona in Prysmian per la seconda volta. In questi giorni – scrive Il Sole 24 Ore – è ancora aperto il secondo piano di azionariato, dopo che nel 2013 il gruppo, ha lanciato con successo l’acquisto di azioni a condizioni agevolate per i propri dipendenti: lo sconto arrivava fino a un massimo del 25% corrisposto in forma di azioni proprie.

La prima tranche, quella dello scorso anno, ha ricevuto adesioni da più di 5mila lavoratori che hanno investito, complessivamente, quasi 8 milioni di euro. La seconda deve ancora chiudersi ma le aspettative sono allineate alla prima.

“Si tratta di un piano di tre anni che ha però una visione di lungo periodo e punta a fare in modo che i dipendenti abbiano l’1% del capitale – spiega Fabrizio Rutschmann, vice president hr e organization di Prysmian – È una grande sfida sull’engagement perché il dipendente azionista vede con occhi diversi l’azienda”.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di aumentare la vicinanza, il coinvolgimento, il senso di appartenenza e la comprensione del business da parte dei dipendenti, rendendoli proprietari di una piccola parte del gruppo in cui lavorano. Il piano è stato introdotto in 27 paesi e comunicato attraverso la produzione di 17mila kit informativi che sono stati redatti in 25 lingue diverse. A spiegarli sono stati inviati 250 ambassador che ricoprono diverse funzioni aziendali e che sono stati formati ad hoc su questo tema.

Il piano di azionariato non è l’unica iniziativa del gruppo per aumentare il coinvolgimento delle persone, ricorda Il Sole. In Prysmian “il capitale intellettuale ed il talento sono asset strategici nel raggiungimento di obiettivi di redditività e di creazione di valore”, spiega Rutschmann e proprio per questo vengono «supportati da azioni di sviluppo e valorizzazione”.

Per rafforzare il processo di sviluppo delle risorse sono state messe a punto diverse iniziative di rilievo. Talent acquisition, per esempio, è un processo internazionale di recruitment e inserimento di neolaureati per costruire il management e i professionals del futuro. Build the future, the graduate program è il programma internazionale di recruitment del gruppo per l’inserimento, in funzioni aziendali e aree geografiche diverse, di giovani laureati con profili ad alto potenziale: lo scorso anno sono arrivate oltre 6mila candidature e sono stati selezionati 52 giovani da tutti i continenti. In queste settimane sono in corso le selezioni per altri 50 giovani neolaureati. Grande attenzione anche alla formazione con la Prysmian group academy che ha una school of management, in partnership con la Sda Bocconi, e una professional school.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
Fabrizio Rutschmann
P
prysmian

Articolo 1 di 5