Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Quale ruolo per i piccoli azionisti delle società quotate?

L’11 marzo al convegno organizzato a Roma dall’Asati si discuterà anche del Cda di Telco. Lombardi: “Dai cassettisti un’azione determinante”

04 Mar 2011

Asati a convegno l'11 marzo per discutere del ruolo dei piccoli
azionisti nelle società quotate. L’associazione che riunisce i
piccoli azionisti di Telecom Italia un evento teso ad esaminare e
approfondire i temi oggi sono all’attenzione della società, a
cominciare dalla prossima assemblea degli azionisti di Telco.
“Un’occasione per consentire anche a noi piccoli azionisti e a
tutti i partecipanti al Convegno – scrive
il presidente Franco Lombardi – di esprimere un parere sulle
decisioni e sulla politica degli azionisti di controllo riuniti in
Telco".

“Ritengo di concerto con gli altri membri del Consiglio di Asati
–prosegue Lombardi – che il ruolo di noi azionisti, in genere
investitori di lungo periodo (cassettisti) potrebbe rivelarsi
fattivo se riusciamo assieme a formulare proposte che possano
essere approfondite in Assemblea e, possibilmente adottate, in
seguito dagli ambiti istituzionalmente preposti per queste
decisioni”.

Il dibattito si avvarrà del contributo di esperti del settore.
Hanno accettato finora di intervenire al convegno: Mario Valducci
(presidente della Commissione Trasporti della Camera); Luigi Zanda
(vice capogruppo del Pd al Senato); Franco Bernabè (Ad di Telecom
Italia); Luigi Gambardella (presidente di Etno); Francesco Sacco
(professore di Economia alla Bocconi di Milano); Mario Stella
Richter (professore di Diritto Commerciale nell’Università di
Tor Vergata, Roma); Francesco Vatalaro (professore di Comunicazioni
elettriche nell’Università di Tor Vergata, Roma); Antonella
Olivieri (inviato del Sole 24 Ore).

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link