Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA CAMPAGNA

Rai e Confindustria digitale alleate sul “maestro Manzi 2.0”

Protocollo d’intesa sull’alfabetizzazione tra la Tv di Stato è l’associazione guidata da Elio Catania. In programma iniziative per far conoscere le modalità d’uso e i benefici delle tecnologie per la vita quotidiana

18 Nov 2014

Antonello Salerno

L’obiettivo è l’alfabetizzazione digitale del Paese, uno dei punti di partenza da cui l’italia potrà riprendere la strada verso l’uscita dalla crisi economica. E per raggiungerlo si sono alleate due realtà di primo piano nel Paese in questo settore: la Rai e Confindustria digitale. L’accordo, formalizzato in un protocollo d’intesa prevede di “rafforzare il ruolo della Rai nell’opera di alfabetizzazione digitale del Paese sviluppando iniziative, di carattere divulgativo e informativo, sui progetti di innovazione digitali in cui sono impegnate le imprese Ict sul territorio italiano”. Un modo, spiegano in una nota le due società, per “offrire un contributo concreto al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale, facendo conoscere al grande pubblico le modalità d’uso e i benefici che le tecnologie e i servizi digitali apportano alla vita quotidiana”.

In Italia la dimensione dell’analfabetismo digitale è molto elevata: siamo a circa il 34% della popolazione che non ha mai avuto accesso a Internet e a circa il 37% dei cittadini che non ha le competenze basilari per compiere operazioni sul web, come compilare un modulo, effettuare un bonifico, acquistare un prodotto su un portale di e-commerce o accedere a un servizio di una pubblica amministrazione, spiegano Rai e Confindustria digitale. Si tratta di un pesante gap culturale, che ha gravi implicazioni sociali ed economiche, il cui superamento richiede perciò l’impegno diretto di protagonisti della trasformazione digitale del Paese, quali la Rai e l’industria dell’Ict.

Il protocollo si inserisce nel progetto “Rai per l’alfabetizzazione digitale: Maestro Manzi 2.0” che ispirandosi alla famosa trasmissione “Non è mai troppo tardi” degli anni 60, ma partendo dalla trasversalità dello scenario digitale, mira a contaminare con appropriati contenuti di formazione digitale l’intera offerta del servizio pubblico.

“La collaborazione di Rai con Confindustria Digitale consentirà di arricchire i messaggi da inserire nei diversi programmi del palinsesto quotidiano del servizio pubblico con informazioni e notizie sull’innovazione digitale – spiega il comunicato – di offrire spunti per nuove iniziative editoriali sulla base delle storie ed esperienze maturate dalle imprese Ict su temi quali la formazione al digitale dei cittadini , la valorizzazione dei giovani talenti, lo sviluppo delle start up innovative, la digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni”. Tra le forme di collaborazione previste dal protocolo c’è anche “di supportare con appropriata comunicazione lo sviluppo di progetti strategici nazionali quali l’identità digitale del cittadino, il portale unico della Pa, la fatturazione elettronica, la sanità digitale, la scuola digitale”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Confindustria digitale
R
rai

Articolo 1 di 5