Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TORRI

Rai Way nel mirino dei fondi Usa: in pole position Blackrock

Gli americani che hanno già il 5% in Unicredit, Telecom Italia e Generali potrebbero diventare il primo socio di minoranza dell’azienda. Interessati anche i fondi Amber e Henderson. Domani l’Ipo

18 Nov 2014

A.S.

BlackRock potrebbe diventare il primo dei soci di minoranza di Rai Way, dopo l’azionista di maggioranza che rimarrà la Rai. I fondo Usa ha tra l’altro già effettuato molti investimenti in Italia, con il 5% in Unicredit, Telecom Italia e Generali.

A pubblicare la notizia è il Corriere della Sera, che riporta anche di come allo sbarco in Borsa di Rai Way sia interessato anche il fondo Henderson, con sede a Londra, che conta su 98 miliardi di sterline di masse gestite e che ha già puntato su Anima, e l’hedge fund Usa Amber. Avranno ognuna una quota superiore al 2% della controllata Rai che domani approderà a piazza Affari. La conta finale, prosegue il quotidiano, si farà solo mercoledì quando inizierà la negoziazione dei titoli della società che gestisce le torri del segnale tv. Ma è chiaro che gli anglosassoni hanno fatto la parte del leone con 55,5 mln di azioni, il doppio rispetto alla richiesta degli investitori in Italia (27,6 mln) su un’offerta globale di 95 mln di titoli, greenshoe inclusa. Infatti sono 27 gli investitori in Italia e 42 all’estero. Destinati a pesare ancora di più visto che la richiesta è stata pari a 2,1 volte l’offerta. Americani e inglesi compreranno ancora sul mercato.

Tanto interesse tra Londra e New York, secondo il giornale, sarebbe legato al fatto che Rai Way è candidata ad aggregazioni. Non per caso BlackRock e Amber hanno quote consistenti anche in Ei towers. Poi c’è un rendimento garantito tra il 4 e il 5%. In pratica, gli americani in Italia cercano più un dividendo sicuro che una storia di crescita. Lo sapevano i coordinatori Banca Imi e Mediobanca ma soprattutto Credit Suisse. La banca guidata da Federico Imbert ha richiamato i fondi che hanno visto in Rai Way una storia di consolidamento che replicherà quella di American Tower e Crowncastle. In vendita, conclude il giornale, ci sono infatti le torri Wind e sul mercato finiranno anche quelle di Telecom.

Articolo 1 di 5