Rete unica, appello dei sindacati: "Governo blocchi le gare al massimo ribasso" - CorCom

IL PROGETTO

Rete unica, appello dei sindacati: “Governo blocchi le gare al massimo ribasso”

Fiom, Fim e Uilm: “Servono azioni per scongiurare ulteriori abbassamenti di prezzi che vadano ad incidere sull’occupazione, contribuendo ad aumentare gli esuberi già dichiarati dalle aziende del comparto”

27 Nov 2020

Bene il progetto di Rete unica nazionale, ma “il governo blocchi le gare al massimo ribasso per salvare il settore e l’occupazione”. E’ la posizione dei sindacati del settore tlc secondo cui Tim ha emesso nei confronti delle imprese di rete, una gara per lo sviluppo della futura rete in fibra ottica di FiberCop e al tempo stesso ha inserito in tale gara anche le attività di manutenzione della rete nazionale di accesso in rame.

“Stiamo seguendo, con grande interesse, l’evoluzione del progetto di Rete Unica nazionale, sia per i notevoli impatti che potrebbe avere sull’occupazione, sia per l’importanza strategica che il progetto riveste per l’intero Paese – scrivono Fiom, Fim e Uilm – Quanto avvenuto negli ultimi mesi con la pandemia, che ha modificato il modo di vivere e lavorare, ha reso urgente la necessità di banda larga, tanto per le famiglie, quanto per le imprese. Per questo siamo favorevoli alla nascita del nuovo soggetto FiberCop che ha annunciato l’avvio di un importante piano di investimenti pluriennale sullo sviluppo delle reti fisse ultrabroadband al fine di colmare il divario digitale ancora troppo evidente in tante zone del nostro Paese”.

“Siamo però, al tempo stesso, fortemente preoccupati delle possibili ricadute, sulle svariate migliaia di lavoratori occupati nelle attività inerenti la rete rame nelle aziende del comparto (parliamo di circa 5.000 lavoratori e lavoratrici)”, evidenziano.

Il timore è di “ritrovarci, come è già accaduto in passato, ad assistere nuovamente al tentativo di Tim di generare ulteriori risparmi nella rinegoziazione pluriennale di questi contratti di manutenzione rete rame, scaricando questa corsa al massimo ribasso dei prezzi, ancora una volta sulle spalle dei lavoratori, che sono già stremati, che hanno subito riduzioni di organico negli ultimi anni e che tuttora sono in molti casi, in cassa integrazione e considerati un esubero strutturale dalle aziende del settore, schiacciate in queste continue logiche di riduzione dei prezzi, attraverso il meccanismo del massimo ribasso”.

“Come è noto, trattandosi per la rete in rame di un business da anni in calo fisiologico, il settore presenta un’elevata età media dei lavoratori e una difficile e molto parziale riqualificazione degli stessi anche a fronte di importanti investimenti – spiegano – Una situazione che ha determinato, per molte aziende, l’apertura di tavoli di crisi presso il Mise e che si è aggravata per effetto della pandemia”.

Fiom, Fim e Uilm chiedono al Mise di intervenire per evitare “che ci siano gare a partecipazione pubblica con la logica del massimo ribasso, per scongiurare che ulteriori abbassamenti di prezzi, incidano sul destino delle lavoratrici e dei lavoratori della rete rame contribuendo ad aumentare gli esuberi dichiarati dalle aziende del comparto anziché ridurli”. Con pesanti ricadute sociali in un momento delicatissimo per l’occupazione. Infine si chiede al Governo di convocare il tavolo di settore, così come richiesto dalle Segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm nelle lettere inviate il 20 gennaio e il 9 settembre scorsi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

F
fibercop
F
Fim
F
fiom
T
tim
U
uilm

Approfondimenti

R
rete unica tlc