Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL RIASSETTO

Retelit, scaduto il “patto”. Ma gli azionisti non concordano sul da farsi

Il 10 dicembre è scaduto il patto parasociale triennale. secondo quanto risulta a CorCom il rinnovo sarebbe escluso, ma la quadra non è ancora stata trovata. E il tempo stringe in vista dell’Assemblea in calendario il 27 aprile. In ballo anche la fusione con 2i Faber, trattative in fase avanzata. Il mercato premia: il titolo sospeso per eccesso di rialzo

23 Gen 2018

Mila Fiordalisi

Condirettore

Il patto parasociale triennale è scaduto a dicembre. Il 10 per l’esattezza. Ma in casa Retelit non si è ancora trovata la quadra sul da farsi. Rinnovo? Nuovo patto con nuovi soci? La prima ipotesi – secondo quanto risulta a CorCom – è praticamente da escludersi visto il cambio di compagine azionaria nel corso degli anni. Si andrebbe dunque verso un nuovo patto.

Ma la faccenda non è così lineare. Da quanto si apprende in casa Retelit non ci sarebbe accordo fra tutte le parti in causa. Si discute su chi dovrà sedere e con quale peso nella nuova compagine. Ad oggi l’azionista di maggioranza dell’azienda capitanata da Federico Protto è la libica Bousval con il 14,37%. Poi ci sono Selin con l’8,35% e Axxion con il 5,68%. Il mercato dunque deterrebbe circa il 70% o su di lì. Il patto dunque pesava per oltre il 18%, ma non è detto che si mantenga questa quota. In ballo c’è pure la questione della fusione con 2i Faber (80% F2i-20% Fondo Marguerite) a cui si lavora alacremente e che oramai non è più solo una voce di corridoio.

I nodi da sciogliere in vista dell’Assemblea del 27 aprile – non dietro l’angolo ma i tempi non sono poi così lunghi – sono dunque due. Il primo riguarda dunque il rinnovo del patto all’ordine del giorno proprio dell’Assemblea di aprile. Un accordo va dunque trovato a stretto giro per portare la proposta in Assemblea. Riguardo alla liaison con 2i Faber sebbene, non si siano ancora definiti i dettagli, secondo quanto risulta al nostro giornale le trattative sono in fase avanzata e soprattutto non si lavora ad altre eventuali “partnership” o “aggregazioni”. Secondo quanto scrive oggi il Sole24Ore la partita potrebbe addirittura chiudersi prima dell’Assemblea di fine aprile. E a riprova dell’imminente riassetto ci sarebbe l’impennata del titolo Retelit che ieri ha toccato il massimo storico dal 2007 registrando un picco del +10,8% a 1,9 euro per azione, al punto che le contrattazioni sono state sospese per tutto il pomeriggio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

F
Federico Protto
R
retelit

Articolo 1 di 5