Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ricette per la ripresa/15. Mirtillo: “Ict, bisogna fare squadra”

L’Italia digitale è una leva da considerare per rimettere in moto il Paese? E con quali misure? La parola a 15 top manager dell’Ict. Tocca a Nunzio Mirtillo, presidente e general manager Regione Mediterranea di Ericsson

21 Ott 2011

In un solo minuto, in tutto il mondo, vengono inviati 12 milioni di
sms, caricate 24 ore di video su YouTube, scaricate 22.000
applicazioni per cellulari, attivati 700 smartphone e 30.000
connessioni su Twitter; numeri che confermano l’evoluzione verso
una società connessa, dove tutto è in rete. Motore di questa
straordinaria evoluzione è l’integrazione tra information
technology e telecomunicazioni, che messa al servizio dei processi,
dei servizi e delle organizzazioni, sta modificando radicalmente il
panorama socio-economico. Siamo di fronte alla trasformazione dei
mercati e di interi settori produttivi, a un nuovo modo di fare
business e di comunicare; basti pensare a come i social network e
le nuove forme di distribuzione commerciale abbiano già
trasformato alcuni mercati, dando nuovo stimolo a settori come il
commercio, il turismo, la musica, i media, i servizi bancari e il
mercato del lavoro.

Una trasformazione in atto anche nel nostro Paese, con influenze e
benefici sul sistema produttivo e sociale: lo dimostrano una serie
di aziende innovative che affrontano la crisi economica aumentando
efficienza e competitività; oppure organizzazioni pubbliche
evolute che erogano servizi migliori al cittadino e alle imprese.
Ma siamo solo all’inizio di un percorso, che per evolvere
efficacemente richiede la sinergia tra i vari attori coinvolti –
aziende, istituzioni, operatori e authority – e solide basi come le
infrastrutture digitali, la condivisione di esperienze e competenze
tra i vari settori produttivi, la regolamentazione e incentivi.

Tutto ciò ci permetterà di collegare persone, cose e servizi,
incrementando produttività e competitività del sistema economico.
L’Agenda Digitale Europea 2020 traccia le linee guida per
promuovere questo percorso, quale riferimento fondamentale che
delinea gli obiettivi da raggiungere e coordina gli interventi da
intraprendere. La sfida più ardua è quella di garantire
l’attuazione, in tempi brevi, delle misure necessarie per
trasformare i progetti e gli obiettivi in azioni concrete e
sostenibili.