Roma-Milano in 200 Gbps, Retelit completa la prima rete ad altissima velocità - CorCom

LA TECNOLOGIA

Roma-Milano in 200 Gbps, Retelit completa la prima rete ad altissima velocità

Le due città sono collegate in doppia via, una lungo la dorsale appenninica e una lungo la tirrenica. Il sistema è in grado di superare i 20 Terabit al secondo di capacità totale. Più di mille chilometri a bassa latenza e senza punti di rigenerazione

01 Giu 2018

Giorgia Pacino

Da Roma a Milano in 200 gigabit per secondo. Retelit, la società di servizi dati e infrastrutture per il mercato delle telecomunicazioni, ha completato la prima rete di trasporto a 200 Gbps in Italia.

La backbone appena completata collega le due città lungo più di mille chilometri senza rigenerazione, ad altissima velocità e bassa latenza. Due le vie tracciate, grazie all’infrastruttura in fibra ottica di proprietà dell’operatore: una lungo la dorsale appenninica e una lungo quella tirrenica. Il primo percorso passa per Firenze e Bologna, il secondo segue una linea diversificata di protezione che passa per Torino, Alessandria, Genova e Livorno. Il sistema è in grado di superare i 20 Terabit al secondo di capacità totale, garantendo continuità del servizio, affidabilità e sicurezza.

“Nel 2013 avevamo già dimostrato di essere i primi ad adottare tecnologie innovative, più performanti e veloci, introducendo il servizio commerciale a 100 Gbps di collegamento tra Roma e Milano – ricorda Federico Protto, amministratore delegato di Retelit – Oggi siamo orgogliosi di annunciare un nuovo primato, il nostro è il primo e unico sistema a 200 Gbps in Italia che connette una tratta così lunga, per una capacità complessiva superiore ai 20 Tbps. I nostri clienti, operatori nazionali e internazionali e aziende, da oggi potranno disporre di una rete di servizi trasmissivi a 200 Gbps sfruttando al massimo la potenza di banda della fibra ottica con il servizio commerciale a 200 Gbps”.

WHITEPAPER
Come dotare i dipendenti di una connettività enterprise in pochi step?
Networking
Telco

La nuova rete di trasporto ha superato sessioni prolungate di test tecnici su entrambe le dorsali. Le latenze delle due vie, l’appenninica e la tirrenica, si attestano su livelli minimi. La backbone sfrutta la tecnologia di ultima generazione Multi-Long Haul HIT 7300 Coriant e le fibre ottiche Retelit. Completa il progetto l’estensione metropolitana dei collegamenti tra i principali data center di Milano e Roma. La trasmissione a 200 Gbps è stata infatti impiegata per mettere in connessione non solo i data center Retelit della Capitale e del capoluogo lombardo, ma anche tutti i data center strategici delle due aree. Da Equinix, Data4, Supernap, Aruba e il polo di via Caldera a Milano fino al Namex e al Tecnopolo Tiburtino a Roma.

“E’ una velocità in grado di supportare applicazioni ultrabroadband legate al mondo dell’IoT, dei Big Data, degli Analytics, dell’Intelligenza Artificiale e dei servizi video ultra HD. Questo nuovo traguardo contribuirà a far diventare più competitive sul mercato le aziende che ci sceglieranno”, assicura Protto. Il gruppo ha già previsto entro fine anno la sperimentazione del prossimo step evolutivo, il sistema a 400 Gbps.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
dati
F
Federico Protto
F
fibra ottica
R
retelit