Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ryan Heath è il nuovo portavoce di Neelie Kroes

Il Commissario all’Agenda digitale sceglie un “fidatissimo” dopo le dimissioni di Todd

03 Nov 2011

Ryan Heath è il nuovo portavoce di Neelie Kroes, commissario Ue
per l’Agenda Digitale. Già portavoce di José Manuel Durao
Barroso, presidente della Commissione Europea, Heath si occuperà
d’ora in poi dell’Agenda Digitale dell’Ue, tornando con
Neelie Kroes, con cui aveva già lavorato dal febbraio del 2008 a
maggio di quest'anno.

Una vasta esperienza nel mondo delle pubbliche relazioni e della
comunicazione istituzionale, Heath ha lavorato presso istituzioni
britanniche e ha collaborato con diversi quotidiani, in particolare
in Australia.

Heath ha frequentato la Oxford Brookes University, la University of
Technology di Sydney e il Dux of John Paul College, New South
Wales.

Ryan Heath sostituisce Jonathan Todd, che un paio di settimane fa
si era improvvisamente dimesso dal suo incarico di portavoce della
Commissione europea per l’Agenda Digitale, a quanto pare per
disaccordi con il Commissario Neelie Kroes. I rapporti tra i due
sembravano buoni finché la Kroes è stata commissario alla
Concorrenza, ma le tensioni sarebbero aumentate da quando la
politica olandese è diventata responsabile della Digital
Agenda.

Secondo alcune voci che circolano a Bruxelles, Todd avrebbe
lasciato l’incarico in seguito a una serie di ‘incidenti’
relativi alle informative per la stampa, culminati con alcuni
commenti rilasciati off record sull’iniziativa del Commissario
sulla creazione di un gruppo con il compito di vigilare sulla
libertà di stampa in Europa, analizzando temi come le le
interferenze politiche, le minacce legali ai diritti dei
giornalisti, l’influenza delle multinazionali sull’editoria e
la concentrazione della proprietà dei media.

Sulla stampa erano infatti circolati commenti critici
sull’iniziativa della Kroes, ma non si sa se a farli circolare
sia stato davvero l’ormai ex portavoce che, comunque, ha
incassato il sostegno di molti suoi colleghi.