Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Sawiris: “Siamo e resteremo sul mercato italiano”

Il numero uno di Weather Investments ribadisce la volontà di rimanere in Italia: “Nel futuro investimenti su Ngn e 4G”. E sulle sorti di Wind: “Se ci sarà un riassetto si tratterà di una fusione”

09 Set 2010

''Siamo e saremo degli investitori a lungo termine sul
mercato italiano''. A dirlo Naguib Sawiris, presidente di
Weather Investments incontrando il management di Wind in occasione
del quinto anniversario dell'acquisizione.

Sawiris, che quest'estate ha confermato i contatti con i russi
di Vimpel e con altri per la possibile cessione delle sue
controllate Orascom e Wind, ha oggi ribadito l'impegno del
gruppo in Italia.

''Sin dall'inizio abbiamo visto chiaramente
l'effettivo potenziale di Wind e ora crediamo molto in questa
attività – ha dichiarato -. Siamo e saremo degli investitori a
lungo termine sul mercato italiano, il cui obiettivo strategico
sarà trasformare Wind da una buona ad un'ottima azienda. Al
contempo puntiamo a posizionare Wind come un'azienda in grado
di consolidare il mercato, sia nel settore della telefonia fissa
che in quello della telefonia mobile, oltre ad essere seriamente
intenzionati ad investire nella rete di telecomunicazioni di quarta
generazione. Senza alcun dubbio possiamo affermare che Weather
Investments ha mantenuto le proprie promesse, contribuendo a
scrivere una pagina di successo nella storia dell'imprenditoria
italiana attraverso l'esperienza di Wind".

I progetti futuri di Weather Investments, volti a sostenere
l'ulteriore sviluppo e crescita di Wind – come ha ricordato
il magnate egiziano – prevedono la collaborazione alla produzione
della nuova rete di fibre ottiche in Italia, passo di fondamentale
importanza per il miglioramento dei servizi Tlc e della loro
qualità. Per quanto riguarda  la possibile vendita
dell'operatore, Sawiris ha precisato che "se un riassetto
mai ci sarà si tratterà di una fusione per dar vita insieme a un
partner a un gruppo più forte e competitivo".