Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA REPLICA

Scarsa trasparenza? Iliad risponde alle accuse: “L’offerta è per sempre”

Dopo l’esposto presentato dall’Associazione europea dei consumatori, l’operatore mobile assicura: “Clausole contrattuali chiare”. E si dice disponibile a “chiarire ogni dubbio anche rispetto ai minimi dettagli”

15 Giu 2018

“L’offerta è e sarà per sempre. Ripete il claim della campagna Iliad, per ribadire la validità della sua proposta al cliente. Il quarto operatore mobile risponde alle accuse di scarsa trasparenza mosse dall’Associazione europea dei consumatori indipendenti. Mercoledì l’Aeci ha presentato un esposto ad Agcom, Agcm e Garante della privacy, chiedendo l’apertura di un’istruttoria per verificare la correttezza dell’offerta di Iliad.

“Riceviamo con sorpresa la notizia di un esposto nei confronti della nostra azienda, quando sono chiari a tutti gli effetti positivi che il nostro ingresso sul mercato delle telecomunicazioni può generare per i consumatori”, scrive in una nota l’operatore, sbarcato a fine maggio sul mercato italiano. La sua offerta all inclusive ha impresso una scossa al mercato dei prezzi: Iliad propone minuti e sms illimitati e 30 giga di Internet a 5,99 euro al mese, dichiaratamente senza vincoli temporali. “Per sempre” recita lo slogan della campagna

Proprio il claim dell’offerta è finito per primo nel mirino dell’Aeci. Secondo gli autori dell’esposto, avrebbe tratto in inganno i potenziali clienti, visto che nelle condizioni generali di contratto Iliad si riserva il diritto di modificare le condizioni economiche. Questa possibilità è esclusa per “offerte non modificabili dedicate”, ma la clausola – fa notare l’associazione – “non stabilisce strumenti per comprendere quale offerta rientri in quelle non modificabili” e risulterebbe quindi arbitraria e poco trasparente.

Secondo l’Aeci, Iliad avrebbe posto in essere pratiche commerciali scorrette e inserito nel contratto clausole vessatorie contrarie al codice del consumo. Non sarebbero conformi alla normativa sulla protezione dei dati personali e alle regole in materia di sicurezza nazionale le modalità di firma e attivazione del contratto. I consumatori rimproverano infine all’operatore poca trasparenza sia per l’attivazione del servizio sia per il traffico extra soglia.

Accuse rispedite al mittente da Iliad. ““Abbiamo fatto della semplicità e della trasparenza il nostro principio identitario e saremo ben contenti di chiarire ogni dubbio anche rispetto ai minimi dettagli contrattuali che ci vengono puntualizzati in queste ultime ore”, continua la nota. “Così come saremo felici di dimostrare agli utenti che la nostra offerta è e sarà tale per sempre per chi la sottoscriverà”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5