Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA SENTENZA

Servizio universale, la Cassazione condanna Telecom Italia

Si chiude definitivamente la vicenda del ricorso contro Vodafone, Wind e Agcom sui costi applicati dal 1999 al 2003. Ecco la sentenza

28 Dic 2017

Mila Fiordalisi

Direttore

Ricorso inammissibile. Condanna al pagamento di 7.200 euro a favore di Vodafone e compensazione delle spese a favore di Wind. Questa la decisione messa nero su bianco dalla Corte di Cassazione a sezioni unite nella sentenza n. 30974 pubblicata il 27 dicembre che ha messo la parola fine al ricorso presentato da Telecom Italia nei confronti delle due telco nonché dell’Authority per le Comunicazioni e relativa ai costi del servizio universale applicati dal 1999 al 2003.

“Il ricorso è inammissibile – si legge nella sentenza-. Secondo il consolidato orientamento di queste Sezioni unite, le decisioni del giudice amministrativo sono viziate per eccesso di potere giurisdizionale”. Con la sentenza impugnata, inoltre, il Consiglio di Stato “ha esercitato il sindacato di legittimità in merito ai provvedimenti amministrativi impugnati attraverso il controllo della loro motivazione e dell’adeguatezza dei dati acquisiti e valutati”. La Cassazione ribadisce che riguardo ai provvedimenti dell’Agcom “sono sindacabili dal giudice amministrativo per vizi di legittimità e non di merito”, ossia che “non è consentito al giudice amministrativo esercitare un controllo c.d. di tipo “forte” sulle valutazioni tecniche opinabili”.

LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

S
servizio universale

Articolo 1 di 4