Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Sette cavalieri alla corte di Telecom Argentina

Pegasus. Telecentro e “un importante media company” arricchiscono la lista dei pretendenti

10 Set 2009

Si allunga la coda dei pretendenti di Telecom Argentina, con
l’arrivo di tre nuove offerte: il fondo d’investimento
americano Pegasus, l’operatore argentino di tv via cavo
Telecentro e “un’importante impresa straniera legata al settore
dei media” si sono fatti avanti per acquisire la quota detenuta
da Telecom Italia (il 50%) in Sofora, la holding che controlla
Telecom Argentina, come riferisce Camilla Gaiaschi su Finanza
Mercati.

“Le new entry”, chiarisce la Gaiaschi, “si vanno ad
aggiungere alla già folta schiera di soggetti (almeno quattro) che
nelle scorse settimane non avevano nascosto il proprio interesse a
rilevare la quota del gruppo guidato da Franco Bernabè. Tra
questi, oltre alla famiglia Werthein (socia dell’altro 50% di
Sofora), ci sono il magnate messicano Carlos Slim, l’impresario
Alfredo Roman e un consorzio guidato dal magnate Eduardo Eurnekian
e dal presidente di Aeropuertos Argentina 2000 Ernesto
Gutierrez”. Tutte le offerte supererebbero i 500 milioni di
dollari. Telecom Argentina non è ufficialmente in vendita, ma
avendo ad agosto l’Antitrust argentino ordinato a Telco (la
holding di controllo di Telecom) di vendere i propri asset nel
Paese per conflitto di interesse e poiché i Werthein e le
autorità locali osteggiano la presenza del gruppo italiano, il
gruppo di Bernabè non esclude la possibilità di una cessione.

Intanto si accende il dibattito politico sulle tlc del Paese:
“Ieri il deputato argentino Fernando Pino Solanas ha dichiarato
che su Telecom Argentina l’intenzione del governo è quella di
‘imporre i propri amici’ alla guida del gruppo di tlc”,
secondo quanto riportato dalla Gaiaschi.