Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA TECNOLOGIA

Sfida sostenibilità per Sparkle: il data center di Istanbul alimentato con batterie Li-ion

Rispetto alle tradizionali batterie al piombo acido, quelle agli ioni di litio hanno una durata doppia, un peso inferiore e occupano un terzo dello spazio. Adottate per la prima volta in Turchia dall’operatore globale del gruppo Tim, serviranno a dare energia ai gruppi di continuità Ups della struttura di Yenibosna

26 Lug 2018

Giorgia Pacino

Diventerà il primo data center “green” in Turchia. Sparkle, la divisione servizi internazionali del gruppo Tim, ha deciso di adottare batterie agli ioni di litio (Li-ion) ad alta efficienza energetica per i gruppi di continuità (Ups) della sua struttura di Istanbul.

La nuova soluzione sostituirà le tradizionali batterie al piombo acido, che rappresentano oggi la tecnologia di stoccaggio più diffusa. Le batterie agli ioni di litio per Ups hanno una durata doppia, un peso inferiore del 60-80% e occupano un terzo dello spazio. Non richiedono ventilazione, riducendo così la necessità di raffreddamento con un minore impatto ambientale.

Il data center di Sparkle a Istanbul è il primo in Turchia a disporre di questa innovativa tipologia di immagazzinamento dell’energia. Il ricorso agli ioni di litio offrirà benefici in termini di sostenibilità ambientale e vantaggi esclusivi ai clienti del gruppo, che potranno aumentare lo spazio a disposizione per i propri server.

Situato a Yenibosna, il data center di Sparkle rappresenta una delle strutture di colocation più grandi della Turchia. È dotato delle migliori tecnologie e di sofisticati sistemi di monitoraggio e servito da Seabone, il servizio globale di Transito IP Tier-1 di Sparkle.

Sparkle, tra i primi operatori in tutto il mondo, ha una rete proprietaria in fibra che si estende per circa 530 mila km attraverso Europa, Africa, America e Asia. Opera nel mondo grazie alle piattaforme Ip & Data, cloud e data center. Proprio in Turchia Sparkle prevede di espandere ancora i propri investimenti nei servizi data center e cloud computing a Istanbul, per migliorare la sostenibilità e l’efficienza energetica e offrire ai propri clienti un ambiente tecnologico sicuro e all’avanguardia per i loro sistemi It.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5