Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

FRANCIA

Sfr (Vivendi) taglia 856 posti, pesa la guerra con Free Mobile

L’operatore in crisi dopo lo sbarco dell’operatore low cost sul mercato cerca acquirenti: ma per ora nessuno si è fatto avanti

29 Nov 2012

P.A.

Sfr, operatore mobile del gruppo Vivendi, annuncia il taglio di 856 posti di lavoro, frutto del licenziamento di 1.123 persone e dell’assunzione di 267. La ristrutturazione è destinata a mantenere alti i livelli d’investimento nelle reti di nuova generazione Lte. I tagli, che riguardano il 9% del personale, rientrano in un piano di ristrutturazione annunciato a luglio, allo scopo di mantenere alta la competitività, che tagliare i costi di circa un miliardo di euro quest’anno e il prossimo.

La dieta imposta a Sfr è dovuta ad una forte guerra di prezzi in atto in Francia e potrebbe essere il preludio ad un’ondata di consolidamenti nel paese. Secondo il Financial Times, gli operatori francesi stanno discutendo potenziali accordi per la condivisione di reti e antenne, per tagliare i costi di realizzazione dell’Lte. Decisioni e alleanze che tuttavia dovranno ottenere l’ok delle autorità di controllo.

Il mercato francese è stato sparigliato a gennaio dall’ingresso in campo di Free Mobile, l’operatore low cost che fa capo a iliad. Oltre a Sfr, anche gli altri due maggiori player francesi (Bouygues Telecom, e Orange di France Telecom) sono stati costretti a tagliare i prezzi per restare sul mercato. Bouygues ha inoltre annunciato 550 esuberi a luglio, mentre Orange ha bloccato le assunzioni.

Nel frattempo, Vivendi sta pensando ad un riposizinamento del business. La conglomerata potrebbe concentrarsi sulle attività media e tv, tramite Canal Plus e Universal Music, tentando di vendere Sfr. Ma per ora non ci sono potenziali acquirenti in vista.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link