Dvbt-2, Anitec-Assinform: "Governi rispetti roadmap, a rischio credibilità Paese"

L'APPELLO

5G, Anitec-Assinform: “Governo rispetti la roadmap su switch-off tv, a rischio la credibilità del Paese”

L’associazione evidenzia come, a soli due mesi dalla scadenza della prima transizione, sussistano ancora molte incertezze sul rilascio della banda 700 MHz agli operatori di comunicazione. Marco Gay: “Le nostre imprese non possono scontare i danni dovuti a ritardi nel processo di attuazione”

01 Lug 2021

Anitec-Assinform lancia l’allarme sul passaggio al Dvbt-2. L’associazione esprime profonda preoccupazione per il grave ritardo nell’attuazione del processo di innovazione della tv digitale terrestre e per le ipotesi di modifica della roadmap stabilita dal Ministero Sviluppo Economico, che rischierebbe di mettere a repentaglio la sostenibilità delle imprese fornitrici di device e dell’intera filiera produttiva e distributiva operante in Italia.

A soli due mesi dalla scadenza della prima importante transizione, sussistono infatti molte incertezze circa i piani di intervento necessari per coordinare il riassetto della tv digitale terrestre ai fini del rilascio della banda 700 MHz agli operatori di comunicazione entro il 30 giugno 2022.

Il Decreto Ministeriale 19 giugno 2019 ha fissato al prossimo 1° settembre il cambio di codifica di tutte le trasmissioni nazionali sull’intero territorio italiano, quale passaggio intermedio funzionale ad accompagnare gli utenti verso le nuove tecnologie e a consentire il riassetto delle frequenze ai fini del rilascio, entro il 30 giugno 2022, della banda 700 MHz ai servizi di radiocomunicazione di nuova generazione.

In vista di questa prima importante fase, le imprese fornitrici di apparati di ricezione si sono da tempo impegnate affrontando con largo anticipo ingenti investimenti per mettere a disposizione degli utenti milioni di nuovi apparati in tempo utile.

Il solo valore della merce aggiuntiva mobilitata, e in larga parte già acquisita e in arrivo in Italia per far fronte alla transizione del 1° settembre 2021, ammonta a oltre mezzo miliardo di euro, a cui vanno aggiunti i maggiori costi non comprimibili di logistica per il trasporto e lo stoccaggio straordinario delle merci.

Si tratta di un impegno fuori dal comune, sia per i grandi produttori globali presenti nel nostro paese, sia, e in misura ancora più ampia, per le piccole e medie imprese nazionali fornitrici di ricevitori, che in questo periodo hanno più che decuplicato la propria esposizione e sulle quali, in caso di un mancato rapido ritorno degli investimenti, graverebbe un’immediata crisi di liquidità, incompatibile con la sopravvivenza stessa delle aziende.

“Fatichiamo a comprendere le ragioni di questa situazione – spiega infatti il presidente di Anitec-Assinform, Marco Gay – l’assenza di conferme e dei provvedimenti attuativi necessari e annunciati da mesi è del tutto ingiustificata e ha già creato un clima di confusione e sfiducia nei consumatori e sul mercato. Le nostre imprese hanno rispettato con responsabilità tutti gli impegni assunti verso Governo e stakeholders del settore radiotelevisivo e non possono scontare i danni del ritardo nell’attuazione del processo”.

Qualsiasi variazione della tabella di marcia ministeriale, già modificata nel 2019, vigente da due anni e mai messa in discussione dallo stesso Ministero, è pertanto impensabile, secondo Anitec-Assinform. E non solo per le gravi conseguenze negative sul sistema delle imprese che rappresentiamo, ma minerebbe pericolosamente la fiducia dei cittadini italiani e degli osservatori internazionali, proprio in un momento storico cruciale, nel quale il nostro Paese è chiamato a dimostrare la sua capacità di rispettare i propri impegni e di realizzare importanti piani di investimento per l’innovazione.

L’associazione ribadisce con forza “l’urgenza di un intervento del Governo affinché confermi e attui il piano di transizione vigente, rendendo disponibili tutti gli strumenti normativi, finanziari e di comunicazione previsti dal legislatore e fa un appello di responsabilità agli operatori di rete e agli editori televisivi, affinché garantiscano la piena e tempestiva esecuzione dei passaggi tecnologici stabiliti”.

L’audizione sul Dl Cybersecurity

Anitec-Assinform è stata audita nelle commissioni riunite Affari costituzionali e Trasporti della Camera sul dl Cybersecurity che istituisce l’Agenzia per la Cybersicurezza nazionale. “La nostra posizione è sostanzialmente positiva sulla azione che il decreto intende proporre. Riteniamo che con questo decreto legge di fatto il Governo riconosca, come abbiamo sempre evidenziato in passato, che non è possibile procedere a una trasformazione digitale pervasiva senza Cybersicurezza – ha spiegato Giorgio Mosca – Quindi è indispensabile disporre dei meccanismi che consentono di garantire unefficace collaborazione tra tutti gli enti che devono essere coinvolti in questo ambito e che sono molti”.

WEBINAR
14 Dicembre 2021 - 11:00
Telco per l'Italia: come accelerare la trasformazione. Le opportunità di PNRR e Cloud
Manifatturiero/Produzione
Telco

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
marco gay

Aziende

A
anitec-assinform

Approfondimenti

D
digitale terrestre
D
dvbt-2

Articolo 1 di 4