Telecom Argentina, slitta ancora la cessione a Fintech - CorCom

Telecom Argentina, slitta ancora la cessione a Fintech

Secondo l’AdnKronos mancherebbe all’appello il via libera dell’Autorità di Tlc. Il closing dell’operazione era già stato fatto slittare dal 12 agosto al 1° settembre. No comment da parte di Telecom Italia

01 Set 2014

F.Me.

Ancora un rinvio per la cessione di Telecom Argentina da parte di Telecom Italia. A quanto apprende l’Adnkronos, la scadenza fissata per le 24 di oggi per il closing del contratto di compravendita sottoscritto dal gruppo italiano con la Fintech del messicano David Martinez Guzman sarà prorogata ancora, probabilmente per alcune settimane.

Manca ancora all’appello, infatti, il via libera dell’Autorità argentina per le telecomunicazioni senza il quale l’operazione non può essere perfezionata. Si tratterebbe del secondo slittamento dopo quello del 12 agosto quando, appunto, Telecom Italia e Fintech decisero di rimandare la finalizzazione dell’intesa al 1° settembre, lasciando immutate le condizioni contrattuali.

Telecom Italia non ha commentato le indiscrezioni, trincerandosi dietro un secco “no comment”.

Il 14 novembre 2013 Telecom Italia annunciò di aver accettato, nella notte l’offerta di acquisto dell’intera partecipazione di controllo detenuta in Telecom Argentina, direttamente ed attraverso Telecom Italia International, Sofora Telecomunicaciones, Nortel Inversora e Tierra Argentea, avanzata dal gruppo Fintech per un importo complessivo di 960 milioni di dollari.

Nel dettaglio, di tale importo, 859,5 milioni di dollari saranno corrisposti per la cessione del 68% delle azioni ordinarie di Sofora di proprietà di Telecom Italia e di Telecom Italia International (750,8 milioni di dollari), di 15.533.834 azioni di classe B di Telecom Argentina, pari all’1,58% del capitale sociale, di proprietà di Tierra Argentea (61,2 milioni di dollari), di 2.351.752 American Depositary Shares, corrispondenti a 117.588 azioni preferite di classe B di Nortel, pari all’8% delle azioni preferite di classe B, di proprietà di Tierra Argentea (47,5 milioni di dollari).

Il rimanente importo di 100,5 milioni di dollari, spiegava la nota dello scorso novembre, sarà corrisposto a fronte di ulteriori pattuizioni correlate all’operazione, tra le quali la messa a disposizione delle società argentine di servizi tecnici di supporto per una durata massima di tre anni, la rinuncia e la modifica di alcuni diritti rivenienti dal patto parasociale relativo a Telecom Argentina, a favore del Gruppo Werthein, che rimarrà detentore del 32% delle azioni ordinarie di Sofora, nonché l’impegno dell’acquirente al pagamento dell’utile già accantonato per dividendi da Telecom Argentina, in caso di mancata distribuzione prima del closing.

Nell’ambito degli accordi, spiegava sempre la nota dello scorso novembre, è stata ottenuta una serie di garanzie per l’adempimento delle obbligazioni contrattuali dell’acquirente, compreso il pegno concesso da Fintech su un numero di American Depositary Shares, rappresentative di azioni preferite di classe B di Nortel, per un valore medio di mercato inizialmente di 100 milioni di dollari. “La vendita delle azioni detenute da Tierra Argentea è prevista – scriveva nel novembre 2013 Telecom Italia – entro l’esercizio corrente, mentre la vendita delle azioni di Sofora è sottoposta alla condizione sospensiva dell’ottenimento delle necessarie autorizzazioni amministrative”. Fintech, nella misura in cui ciò sia richiesto dalle norme vigenti, lancerà un’offerta pubblica sulle rimanenti azioni quotate di Nortel e Telecom Argentina.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
Fintech
T
telecom argentina
T
telecom italia