Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FINANZA

Telecom confermata nell’indice sostenibilità Dow Jones

E’ l’unica telco italiana a ottenere il riconoscimento nel DJSI World e Europe. L’azienda: “Confermato l’impegno per la sostenibilità come veicolo per la creazione di valore economico e sociale”

08 Set 2016

Per il tredicesimo anno consecutivo Telecom Italia si conferma nei Dow Jones Sustainability Indexes World (DJSI World) e Europe (DJSI Europe) e viene riconosciuta “industry leader” nel settore delle telecomunicazioni con il punteggio di 90/100, come unica azienda italiana ad ottenere tale riconoscimento nel proprio settore industriale.

Ad annunciarlo è un comunicato dell’azienda, secondo cui la revisione annuale per l’ammissione agli Indici di Sostenibilità del Dow Jones avviene a seguito di un rigoroso processo di valutazione dell’azienda svolto da agenzie di rating specializzate che, sulla base di oltre 100 domande, ne analizzano la performance finanziaria e non, sulla base di criteri di natura generale e settoriale, che considerano tra gli altri le relazioni con i clienti e le persone del gruppo, l’innovazione e la ricerca, la gestione dei rischi, le strategie relative ai cambiamenti climatici, la catena di fornitura e l’analisi degli impatti socio-ambientali del business.

Si tratta di un riconoscimento importante, sottolinea Telecom, che conferma l’impegno del Gruppo nell’integrazione della sostenibilità all’interno della strategia aziendale, rendendola veicolo per la creazione di valore economico e sociale (Corporate Shared Value). La presenza di Telecom Italia negli Indici di Sostenibilità Dow Jones, conclude il comunicato, si affianca alla partecipazione del Gruppo in altri importanti indici mondiali di sostenibilità e sistemi di valutazione, come la serie di indici FTSE4Good e Euronext Vigeo Eiris.

Articolo 1 di 3