Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Telecom Italia, caso Telco E se arriva una new bank?

Si ipotizza l’entrata di una nuova banca nella holfing che ha il 24,5% del capitale della società telefonica

11 Set 2009

Per la prima azienda tlc italiana c’è il rischio che i problemi
irrisolti nei rapporti con i suoi azionisti  si moltiplichino
nelle prossime settimane. Qualcuno ipotizza l’entrata nelle quote
di controllo di Telecom Italia di una nuova banca, ma è una via
praticabile? Come spiega Giorgio Medda su Il Riformista, il nodo
centrale sono i rapporti “fra i soci di Telco, la holding che ha
in pancia il 24,5 per cento del capitale della società
telefonica”. Nel dettaglio, rivela Medda, “il prossimo mese
andrà rinegoziato circa 1 miliardo di euro di prestiti di Telco e
a quel punto si aprirà il problema di chi metterà mano al
portafogli nel caso le banche lo dovessero chiedere, eventualità
molto probabile visto che l’intero pacchetto azionario è in
pegno agli istituti di credito”. Numerose le incognite in gioco.
“Gli spagnoli di Telefonica sono il maggior socio, con il 42,3
per cento del capitale”, continua Medda, “seguiti da Generali
con il 28,1, Intesa e Mediobanca con il 10,6 ciascuno e da Sintonia
dei Benetton con l’8,4”.

Ognuno si trova in una situazione delicata. I vertici di Generali,
per esempio, sono in scadenza e “ogni mossa verrà valutata
nell’eventuale riconferma”. Anche per questo, l’Ad Giovanni
Perissinotto potrebbe avere la tentazione di “rispondere alla
chiamata”, ma come spiegare ai suoi soci la strategicità di un
nuovo investimento nell’azienda telefonica? Lo stesso discorso
vale per Mediobanca, mentre se fossero gli spagnoli a immettre
capitali freschi, “sarebbe poi impossibile tenerseli ancora ai
margini della stanza dei bottoni in Telecom”, nota Medda. Se le
“polemiche politiche” degli ultimi tempi rendono improbabile
l’ipotesi del matrimonio con Mediaset per il “salvataggio di
Telecom”, si affaccia un’altra possibilità: il coinvolgimento
di una nuova banca. Difficile fare nomi, ma soprattutto va
considerato che un nuovo ingresso in Telco non sarà ben visto
dagli spagnoli (e hanno i numeri per bloccarlo), che non vogliono
veder diluita la propria quota.