Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Telecom Italia, nelle Marche Internet a 20Mb entro 2012

Gabriele Galateri di Genola: “Best practice per l’accesso ai servizi a banda larga”

10 Lug 2009

Un “modello di best practice italiana per l'accesso ai
servizi in banda larga”. Così il presidente di Telecom Italia
Gabriele Galateri di Genola ha commentato l'accordo
sottoscritto oggi con la Regione Marche per portare
l'operatività della banda larga da 4 a 7 mega entro il 2010 e
a 20 mega entro il 2012, in relazione alla nuova rete in fibra
ottica.

“Le Marche sono la prima Regione – ha rilevato il governatore
Gian Mario Spacca – a sottoscrivere un accordo del genere, che con
un investimento complessivo di 74 milioni di euro, porterà alla
copertura con la banda larga di seconda generazione di tutto il
territorio regionale e a un eccezionale incremento della velocità
e della capacità di collegamento”. Benefici – hanno aggiunto
Galateri e Spacca – per pubbliche amministrazioni, cittadini e
imprese; «un cambio di paradigma fondamentale – ha sottolineato in
particolare il presidente di Telecom – che ci conduce dal
“digital divide” alla “digital prosperity”.

“Realizzare l'accesso veloce a internet per tutta la
comunità è un impegno strategico del governo regionale – ha
aggiunto Spacca -, che incrementa la relazionalità ed elimina le
barriere e le distanze. Si potenzia la competitività delle piccole
imprese, che hanno bisogno di infrastrutture immateriali veloci per
innovare, crescere ed internazionalizzarsi. Si alimentano processi
di diversificazione, con nuove attività legate all'Ict rese
possibili dalle maggiori prestazioni della banda larga. Si
consolida – ha detto ancora – la coesione sociale, offrendo uguali
opportunità di informazione, conoscenza e alfabetizzazione
informatica, soprattutto a vantaggio dei nostri giovani. Infine –
ha concluso – si rafforza la produttività delle istituzioni,
migliorando per tutti la fruibilità dei servizi della pubblica
amministrazione”.