Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Telecom, mandato a Patuano per acquisire quota F2i in Metroweb

Secondo indiscrezioni di stampa la decisione è stata presa nell’ultimo cda, ma non è ancora ufficiale. Si punterebbe ad attivare la partnership con Cdp per investire sulle Ngn, evitando lo scorporo della rete. Ma Calcagno e Bassanini chiariscono: “Non è in vendita”

03 Ott 2014

F.Me.

Il cda di Telecom Italia ha dato mandato all’Ad Marco Patuano di trattare l’acquisto della partecipazione di F2i in Metroweb. Lo riportano Reuters e Bloomberg, citando fonti vicine alla vicenda che chiariscono che il mandato è stato affidato in occasione dell’ultimo cda, ma non è ancora ufficiale. F2i detiene il 54% di Metroweb Italia, che a sua volta controlla il 87% per cento di Metroweb. Gli azionisti di Metroweb Italia includono anche il Fondo Strategico Italiano, il cui azionista strategico è la Cdp. Fastweb detiene invece il 10,6% dell’azienda milanese della fibra mentre l’1,7% è dei manager dell’azienda milanese della fibra.

Ma a questo proposito il numero uno di Fastweb, Alberto Calcagno, dice di non essere a conoscenza di una possibile cessione da parte di F2i della sua partecipazione nella società a Telecom Italia. “Non ci risulta e siccome siamo azionisti di Metroweb dovremmo saperlo”, ha sottolineato il manager.

Franco Bassanini, presidente di Cdp, legge “non notizie, ma intenzioni”, “Io sono presidente di Metroweb e non ne so niente”, ha chiarito.

A fine marzo alcune fonti avevano spiegato che Telecom era interessata a una quota di Metroweb e che l’acquisto di una partecipazione era una possibilità per attivare la partnership con la Cassa Depositi e Prestiti per investire sulla rete di nuova generazione (Ngn), rimanendo fedele alla strategia di evitare lo scorporo della rete in rame.

Patuano e il presidente di Telecom Italia, Giuseppe Recchi, si sono rifiutati di commentare le indiscrezioni.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Articolo 1 di 2