Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INCONTRO

Telecom, torri e data center i primi spin off

All’incontro con i sindacati l’Ad Patuano ha evidenziato gli asset che potrebbero essere societarizzati. Scorporo rete: “TI disponibile solo se ci sono le condizioni regolatorie”. Slc, Fistel e Uilcom: “No allo spezzatino”. E chiedono al governo di convocare Telefonica. Via alla mobilitazione

04 Ott 2013

Federica Meta

Il piano di societarizzazione di Telecom Italia dipende dai risultati che l’azienda raggiungerà e dalle future verifiche. Lo ha detto l’amministratore delegato, Marco Patuano ai sindacati. Patuano ha però evidenziato la possibilità di valorizzare due degli asset societari di cui si discute in chiave societarizzazione: i data center e le torri delle antenne. Per quanto riguarda lo scorporo, l’Ad ha chiarito che la compagnia è disponibile solo se ci sono le condizioni regolatorie.

“L’Ad ha annunciato – dice Bruno di Cola, segretario nazionale della Uilcom, al Corriere delle Comunicazioni – che il 7 novembre presenterà il piano industriale e che l’accordo raggiunto il 27 marzo, per aumentare la produttività a fronte del mantenimento dell’occupazione, sarà comunque rispettato”.

“In occasione dell’incontro – prosegue il sindacalista – abbiamo ribadito il nostro no allo scorporo delle rete. E proprio per mantenere alta l’attenzione sul futuro dell’azienda abbiamo deciso di avviare le procedure di raffreddamento in vista di un possibile stato di agitazione o sciopero”.

“In questo contesto – conclude il sindacalista – chiederemo al governo di convocare Telefonica con l’obiettivo di capire quale tipo di investimento è disposta a fare in Italia”.

Come spiega Giorgio Serao della Fistel, “le decisioni future sulle partecipazioni estere saranno nel piano industriale” di Telecom.

Oggi il viceministro alle Comunicazioni, Antonio Catricalà, ha voluto rassicurare i sidacati: “Vogliamo tutelare Telecom Italia nella sua interezza, non solo della rete, ma anche dei servizi – ha detto dal convegno Between di Capri – E’ un’azienda di altissimo profilo sia per la quantità che per la qualità delle persone che vi lavorano. E’ stata ed è un’azienda di primaria importanza”.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2