Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA NOTA

Telecom, Vivendi ribadisce: “Nessun controllo di fatto”

“Interesse nell’azienda non è sufficiente all’esercizio di un’influenza dominante”: è quanto conferma il Supervisory Board chiamato ad approvare i conti della semestrale. “Puntiamo a convergenza media-telco”

31 Ago 2017

Andrea Frollà

Vivendi non esercita alcun controllo di fatto su Telecom Italia e il suo interesse in Telecom non è sufficiente all’esercizio di un’influenza dominante nell’assemblea degli azionisti. Tutti i dati empirici rivelano senza equivoci che Vivendi non è in posizione di controllo nelle assemblee di Telecom”. È quanto afferma la media company francese in relazione alla propria partecipazione nel gruppo italiano di telecomunicazioni, ribadendo l’intenzione di “favorire una politica a lungo termine di sviluppo delle convergenze tra telecomunicazioni e contenuti”.

“Per quanto riguarda l’esistenza di una posizione di controllo in base ai principi contabili internazionali per il bilancio consolidato, Vivendi – proseguono i francesi – conferma che non ha il potere di governare le politiche finanziarie e operative di Telecom Italia, in conformità all’IFRS 10”.

Queste precisazioni sono contenute nella relazione finanziaria relativa al primo semestre dell’anno, diffusa oggi a mercati chiusi dalla società guidata dal ceo Arnaud de Puyfontaine, che ha fatto registrare un fatturato di 5,437 miliardi (+7,8% anno su anno), “grazie a Universal Music Group (+14,0%) mentre la situazione del Gruppo Canal+ sta migliorando leggermente”.

Da quanto si legge fra i conti approvati dal Consiglio di sorveglianza riunito sotto la presidenza di Vincent Bolloré, l’Ebitda è stato pari a 352 milioni, in calo del 9,2%, mentre l’Ebit è sceso del 31,5% a 362 milioni. Il gruppo Vivendi ha segnato nel primo semestre del 2017 un utile netto di competenza di 176 milioni, in calo dell’80,7% rispetto ai 911 milioni dello stesso periodo del 2016. Come spiega la nota, la flessione è essenzialmente legata agli elementi favorevoli che avevano caratterizzato la prima metà dello scorso anno, tra cui la plusvalenza per la cessione della quota residua in Activision Blizzard.

A livello adjusted, esclusi cioè gli elementi non ricorrenti, il risultato netto è in progresso del 12% a 320 milioni di euro. Il gruppo francese comunque conferma le sue prospettive per il 2017 che puntano ad un aumento del fatturato di oltre il 5% (senza contabilizzare Havas) e su un ebitda in progressione del 25%. La quota parte dell’utile netto in provenienza di Telecom Italia, specifica la società, rappresenta un profitto di 44 milioni nel primo semestre 2017 (erano 23 milioni nel primo semestre 2016).

Argomenti trattati

Approfondimenti

D
de puyfontaine
M
mediaset
T
telecom
V
vivendi

Articolo 1 di 5