SCENARI

Telefonia e Internet, paradossi italiani: per gli utenti la regola è minimo prezzo massima qualità

Secondo le rilevazioni dell’Osservatorio Sostariffe.it si fanno sempre più strada le offerte in bundle fisso-mobile che consentono di abbattere la spesa in bolletta. Ma Altronconsumo evidenzia che il 25% degli abbonati non è soddisfatto del servizio clienti e della trasparenza del proprio operatore

20 Apr 2022

Domenico Aliperto

buona

Grazie alle offerte bundle fisso + mobile proposte dai provider di telefonia è possibile risparmiare il 13% rispetto ai costi delle tariffe attivate singolarmente. A dirlo è la nuova indagine condotta dall’Osservatorio Sostariffe.it.

I provider stanno del resto incentivando la sottoscrizione di pacchetti combinati, dove vengono spesso inclusi bonus aggiuntivi che si sommano al risparmio sui canoni. “In particolare, l’attivazione di offerte congiunte consente di accedere a tariffe mobile molto vantaggiose con tanti Giga extra (che spesso diventano illimitati) per la propria Sim”, si legge in una nota di Sostariffe.it.

Perché convengono i pacchetti congiunti

In base all’indagine, condotta tramite i dati del comparatore offerte Internet casa, approfittando di un pacchetto che combina i due servizi, Internet da rete fissa e mobile, si spendono in media ogni mese circa 33,26 euro. Ovvero 5 euro in meno rispetto alla spesa che si sosterrebbe volendo sottoscrivere le due tariffe separatamente. Dati alla mano, infatti, un’offerta Internet da rete fissa ha un costo medio mensile che si aggira sui 25,29 euro. Per navigare da cellulare, in media, si metterebbe mano al portafogli ogni mese per circa 12,97 euro. Volendo dunque attivare le due offerte separatamente si dovrebbe affrontare un costo mensile molto più elevato, pari a 38,26 euro in media.

WEBINAR
21 Settembre 2022 - 12:00
Solo il 7% delle aziende trae valore dai DATI e fa crescere il business! Tu a che punto sei?
Marketing
Mobility

Lo studio stima dunque un risparmio annuale di circa 60 euro. Grazie ai vantaggi dei pacchetti fisso + mobile è possibile tagliare le spese del 13%. Le offerte congiunte che uniscono fisso e mobile mettono a disposizione, in genere, una connessione illimitata tramite fibra ottica Ftth fino a 2,5 Gigabit e una Sim con minuti illimitati, 1.400 Sms e 1.092 Gb. Da ribadire che, in molti casi, i Giga inclusi sono, come già accennato, illimitati.

Il vantaggio dei costi di attivazione ridotti

Un altro beneficio derivante da questo tipo di offerte è il costo di attivazione decisamente ridotto. La spesa iniziale da sostenere è pari, in media, a 16,66 euro. Una cifra conveniente se si considera che il costo di attivazione delle offerte con solo Internet da rete fissa può superare i 40 euro e a questi bisogna aggiungere anche il costo di attivazione di un’offerta mobile.

Cosa accadrebbe tuttavia se volessimo recedere da uno dei due servizi compresi nel pacchetto? “In caso di disdetta della connessione da rete fissa si dovrà affrontare un costo di disattivazione che si aggira sui 24 euro. Inoltre, se l’offerta congiunta prevedeva Gb aggiuntivi sui dispositivi mobili si perderà questo benefit. Se invece si vuole fare un passo indietro e rinunciare alla connessione in mobilità si potrebbero perdere gli eventuali sconti sulla connessione domestica, dovendo quindi sostenere l’offerta Internet casa abbinata a prezzo pieno”, spiega Sostariffe.it.

Il 25% dei clienti insoddisfatto: l’indagine di Altroconsumo

Quadro in chiaroscuro quello che emerge dall’indagine di Altroconsumo votata a misurare il livello di soddisfazione degli utenti di telefonia fissa e mobile ma anche delle offerte relative allo streaming.

Altroconsumo ha chiesto ai rispondenti di valutare gli operatori per quanto riguarda il servizio clienti e la correttezza delle bollette indipendentemente dal tipo di servizio offerto. È emerso che circa 1/4 dei rispondenti non è soddisfatto del servizio clienti del proprio operatore. Sono i leader di mercato della telefonia a finire in fondo alla classifica di valutazione per il servizio clienti :Wind Tre registra un punteggio di 59 punti, seguito da Vodafone (57) e Tim (55). Ai primi posti della classifica troviamo, invece, CoopVoce con 82 punti, Amazon Prime Video (79), Netflix (77), Disney+ e Iliad (76) e AppleTv+ (75).  Per quanto riguarda la trasparenza della bolletta la situazione sembra andare meglio, anche se c’è il 14% degli intervistati che si dichiara insoddisfatto.

Entrando nel dettaglio delle offerte si aggiudicano il riconoscimento di “Provider consigliato” per la telefonia fissa e internet Fastweb e Sky Wifi che raggiungono 75 punti con il loro servizio di fibra ottica. Seguono Tiscali (72), Wind Tre (70) e Vodafone (70), sempre con fibra ottica. La classifica conferma che il tipo di connessione fa la differenza, infatti nessun operatore con servizio Adsl per la navigazione casalinga raggiunge un buon livello di soddisfazione.

Riguardo alla telefonia mobile al primo posto CoopVoce con un punteggio totale di 80 punti, seguito da Iliad, Spusu e Ho. con un punteggio per tutti e 3 gli operatori di 78 punti. Subito dopo si qualificano, sempre con il titolo di Provider consigliato, Uno Mobile (77), Very Mobile (76) e Fastweb (75). I servizi meno soddisfacenti sono proprio quelli forniti dai leader di mercato come Vodafone, con un punteggio di 70, Wind Tre (68) e Tim (67).

Netflix sul podio dello streaming

Fra i fornitori di servizi di streaming si aggiudicano il titolo di “Provider consigliato”, in primis, Netflix, con un punteggio complessivo di 79, seguito da Disney+ con 77 punti. Con un giudizio di soddisfazione buona da parte degli utenti Amazon Prime Video (74), Eurosport (71) e Sky (70). In fondo alla classifica, nella fascia di soddisfazione media si posizionano, invece, Discovery+ (64), Tim Vision e Infinity+ (58), Vodafone TV (53) e Dazn (52).

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

S
SosTariffe.it

Approfondimenti

A
abbonamenti
I
internet
T
tariffe

Articolo 1 di 3