IL PUNTO

Tim: Cdp e Kkr al rilancio su Netco. Riflettori sulle nomine per il cda

La deadline per presentare le nuove offerte è fissata al 18 aprile. Gli americani più “generosi”: sul piatto 22 miliardi. Scatta il conto alla rovescia anche per la nomina in Assemblea del sostituto di Arnaud de Puyfontaine, ceo di Vivendi

Pubblicato il 06 Apr 2023

tim-170913225428

22 miliardi da parte di Kkr, 20 da Cdp-Macquarie: questo il valore delle nuove offerte per Netco, secondo quanto emerge da indiscrezioni. Entrambe le offerte sarebbero dunque al rilancio in una forchetta di 2 miliardi a testa (la precedente offerta di Cdp Macquarie era di 18 miliardi, quella di Kkr di 20). Più in dettaglio Kkr – sempre stando a indiscrezioni – avrebbe bussato alla porta di una serie di banche per farsi finanziare circa 10 miliardi: 8 miliardi circa di prestito a termine relativo alla Netco e 2 miliardi per i futuri Capex. La deadline per la presentazione delle offerte scade il 18 aprile.

Paola Bruno e Franco Lombardi candidati per sostituire de Puyfontaine

Riflettori anche sull’Assemblea chiamata a nominare i sostituti di Luca de Meo, Franck Cadoret e Arnaud de Puyfontaine. A novembre e a dicembre 2022, il cda ha cooptato Giulio Gallazzi e Massimo Sarmi, che ora i soci dovranno confermare mentre nella riunione del 14 febbraio si è deciso di non procedere alla cooptazione di un consigliere in sostituzione di de Puyfontaine, tenuto conto dell’approssimarsi dell’Assemblea chiamata a decidere sulla nomina.

Riguardo al posto libero lasciato dal ceo di Vivendi le sgr e gli investitori istituzionali hanno candidato Paola Bruno, e Franco Lombardi, presidente di Asati, l’associazione dei piccoli azionisti Tim, si è autocandidato.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2