PRIMO PIANO

Tim, Cdp pronta a salire al 10%?

Il Consiglio d’amministrazione della Cassa dà l’ok per l’acquisto di nuove azioni dell’operatore. Il titolo apre in forte rialzo. Claudio Borghi, responsabile economico della Lega: “I francesi fanno i loro interessi e noi facciamo i nostri”

15 Feb 2019

A. S.

Il Consiglio d’amministrazione di Cdp ha dato il proprio via libera all’acquisto di nuove azioni di Tim e quindi al rafforzamento della presenza nell’azienda, che al momento è ferma al 4,93%, e che secondo le indiscrezioni circolate nelle ultime ore potrebbe arrivare a raddoppiare la propria partecipazione nell’operatore telefonico, fino ad arrivare al 10%. Una circostanza che potrebbe portare Cassa depositi e prestiti a essere determinante per gli esiti della contesa in corso tra Vivendi ed Elliott sulla governance dell’azienda, con i francesi che hanno in portafoglio il 23,945 delle azioni dell’operatore, e  che hanno visto svalutare la propria partecipazioni di 1,1 miliardi, e il fondo Usa che è fermo al momento al 9,56%.  

In un’intervista pubblicata ieri dal Sole24ore intanto l’Ad della Cassa, Fabrizio Palermo, si era detto favorevole al dialogo tra Tim e Open Fiber sulla rete, giudicando “opportuno” che vertici delle due aziende “si aprissero al dialogo”, e ha riservato un passaggio proprio allo scontro in corso tra Vivendi ed Elliott sul futuro della rete e sul suo eventuale spin-off: “Vediamo come evolve la situazione e aspettiamo – aveva detto – rispettosi dell’autonomia di entrambe le società. Io sono uomo di numeri e finora di numeri non si era ancora parlato. Adesso il confronto è aperto”. 

WHITEPAPER
Wi-Fi o 5G per le imprese? Una guida spiega cosa (e come) scegliere
Personal Computing
Telco

Proprio sull’onda delle voci di un possibile aumento della partecipazione di Cdp in Tim l’operatore ha aperto le contrattazioni in Piazza Affari in forte rialzo, guadagnando inizialmente il 6%. 

Favorevole all’eventuale investimento in Tim si dice Claudio Borghi, presidente della commissione Bilancio della Camera e responsabile economico della Lega, a margine di un convegno organizzato dalla Cisl: “Sono sempre abbastanza contento quando si fanno degli investimenti fatti bene da parte dello Stato – afferma – In passato sono stati fatti degli investimenti comprando le cose degli amici. La Telecom non è di nessun amico”. E quanto alla differenze di vedute sul futuro della rete tra Vivendi ed Elliot, “I francesi fanno i loro interessi – sottolinea – e noi facciamo i nostri”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

C
claudio borghi

Aziende

C
cdp
E
elliott
T
tim
V
vivendi

Approfondimenti

T
telco
T
tlc