Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

STRATEGIE

Tim-Mediaset, l’accordo passa dai contenuti free

Sul tavolo la fornitura di programmi del broadcaster a Tim Vision (Tim-Vivendi), in ballo 600 mln spalmati su 6 anni. Genish oggi a Milano. Secondo indiscrezioni si punta a chiudere entro il 19 dicembre

24 Nov 2017

Tim-Mediaset, più vicino il punto d’incontro. Sul tavolo un accordo per la fornitura per sei anni, di contenuti free to air dei canali in digitale terrestre di Mediaset a Tim Vision (jv fra Tim al 60% e Canal Plus di Vivendi al 40%): il valore dell’operazione si aggirerebbe secondo Il Messaggero sui 600 milioni (spalmati appunto su sei anni). Ieri e oggi l’ad di Tim Amos Genish è a Milano per una serie di incontri che puntano ad accelerare la risoluzione del contenzioso.

Alla base un term sheet per la fornitura di contenuti free di Mediaset a Tim Vision, la jv di cui Tim possiede il 60% e Canal Plus il 40%. L’eventuale intesa rappresenta uno dei tasselli della transazione complessiva e potrebbe essere raggiunta entro il 19 dicembre, data in cui è fissata l’udienza sulla causa da 3 miliardi fra Vivendi e Mediaset sulla mancata acquisizione di Premium. Un primo livello dell’accordo prevederebbe minimi garantiti che porterebbero il controvalore della transazione a 600 mln su sei anni. Il secondo livello prevede una compensazione cash a Mediaset da parte di Vivendi per la mancata acquisizione di Premium: si parla di circa 700 mln.

Ancora aperti i capitoli del 29,9% di Mediaset in mano a Vivendi (Agcom ha imposto di scendere sotto il 10%: a questo proposito in ballo l’ipotesi blind trust) e il futuro di Premium.

Gli occhi di Mediaset sono puntati in questi giorni anche sulle trattative in corso intorno alla gara 5G le cui linee vengono indicate nella legge di Stabilità. Secondo Milano Finanza il gruppo punterebbe a ottenere dallo Stato, in cambio dell’indennizzo per i mux cui rinuncerebbe con il maxi-switch off (circa 40 mln) una maggiore capacità trasmissiva per offrire alta definizione e 4K: una svolta che arricchirebbe il valore della Tv generalista.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
mediaset
T
tim

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link