Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL FUTURO DELL'AZIENDA

Tim, salta incontro tra governo e sindacati

Il ministro Di Maio annulla il summit previsto per domani 22 novembre. Slc, Fistel e Uilcom: “Serve un tavolo di confronto immediato”. Confermato il presidio di fronte al Mise

21 Nov 2018

Salta l’incontro al Mise tra governo e sindacati sul futuro di Tim. Ne danno notizia i sindacati. “Abbiamo ricevuto nel pomeriggio di oggi la comunicazione da parte del Mise circa l’annullamento dell’incontro previsto per domani con il ministro Di Maio sul settore delle Tlc – si legge in una nota di Slc, Fistel e Uilcom – L’incontro era stato convocato dallo stesso ministro a seguito della richiesta e dei solleciti dei sindacati di categoria”.

“Al netto dei sopraggiunti impegni istituzionali che impediscono al ministro di effettuare l’incontro – proseguono i sindacati – evidenziamo comunque la sempre più grave situazione delle Tlc e la necessità, non più derogabile, di un tavolo di confronto col governo sul futuro e le prospettive industriali ed occupazionali di un settore cruciale per il futuro sviluppo del paese e la sua capacità competitiva”.

“Per tali ragioni, i sindacati confermano il presidio di fronte al Mise in via Molise dalle 9 alle 12, così come già comunicato, convocando nella medesima sede una conferenza stampa alle ore 11 dei segretari generali, nel corso della quale saranno esposte le ragioni e le valutazioni dei rappresentanti dei lavoratori di Tim e dell’intero comparto delle Tlc”, conclude la nota.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

F
fistel
L
luigi di maio
S
slc
T
TIM
U
uilcom

Articolo 1 di 2