Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ACCORDO

Tim-Vodafone, patto sulle torri entro il 1° agosto

L’Ad di Tim, Luigi Gubitosi, punta a chiudere nelle prossime settimane in vista del cda. E sui data center: “Le indiscrezioni sulla cessione di questi asset sono illazioni”

18 Lug 2019

F. Me

Patto sulle torri entro la fine di luglio. Intervenendo a un convegno sul futuro delle reti di tlc ultra veloci, l’Ad di Tim, Luigi Gubitosi, ha chiarito che “ci sarà sicuramente una condivisione delle infrastrutture”, come sta accadendo con Vodafone riguardo all’intesa sulla rete mobile. Si punta a chiudere l’accordo con Vodafone sulla condivisione delle torri nella controllata Inwit entro il primo di agosto quando è fissato un cda di Tim.

“Il coinvestimento – ha spiegato – si vedrà sempre più nelle torri. L’infrastruttura sarà aperta a tutti gli operatori che vogliono partecipare”.

Tra i tanti dossier aperti di Tim non c’è quello dei data center. Ma Gubitosi  bolla come “illazioni” le indiscrezioni su una vendita dei data center e delle attività del credito al consumo da cui si sarebbe recuperato 1 miliardo di euro. Il manager ha ribadito che per il credito al consumo il progetto resta quello annunciato a maggio. “Stiamo pensando a una joint venture con qualcuno nel credito al consumo che ci possa permettere di lavorare meglio” aveva detto in occasione della presentazione dei conti del primo trimestre.

Cosa prevede l’accordo sulle torri tra Tim e Vodafone

Il memorandum di intesa formato dalla due compagnie mira ad avviare una partnership per la condivisione della componente attiva della rete 5G, valutare la condivisone degli apparati attivi della rete 4G e ampliare l’attuale accordo di condivisione passiva; la partnership potrà consentire un più rapido sviluppo del 5G, su una più ampia area geografica e ad un costo inferiore

Le due società intendono cooperare per adeguare le rispettive reti di trasmissione in fibra per il backhauling mobile e valutare l’aggregazione in un’unica entità delle rispettive infrastrutture passive, per un totale di 22.000 torri in Italia

In merito al progetto di condivisione della rete attiva, Vodafone e Tim intendono sottoscrivere un accordo che consentirebbe uno sviluppo congiunto della infrastruttura 5G. Questo progetto permetterebbe una più rapida implementazione della tecnologia 5G su un’area geografica più ampia e ad un costo inferiore. Vodafone e Tim valuteranno la fattibilità tecnica e commerciale di installare congiuntamente i propri apparati attivi 5G nel Paese, incluso in alcune grandi città dove ciascuna società potrebbe voler mantenere flessibilità strategica e assicurare la propria capacità di rispondere alle esigenze dei rispettivi clienti.

Le compagnie intendono inoltre valutare la condivisione degli apparati attivi anche delle rispettive reti 4G esistenti, per supportare la condivisione attiva della rete 5G; questo potrebbe inoltre generare ulteriori efficienze. Inoltre, Vodafone e TIM intendono adeguare le rispettive reti di trasmissione mobile, attraverso l’utilizzo di cavi in fibra ottica a più alta capacità (“Fiber-to-the-Site” o “backhauling”). Questo consentirebbe ai clienti di trarre vantaggio dalle nuove caratteristiche del 5G, come la maggiore velocità e la bassa latenza, e genererebbe maggiori economie di scala per le società.

Si punta anche ad estendere l’attuale accordo di condivisione delle loro infrastrutture passive di rete, passando dagli attuali 10.000 siti (circa il 45% del totale delle torri delle due società) a una copertura su base nazionale, con l’obbiettivo di accelerare e rafforzare lo sviluppo della tecnologia 5G e utilizzare in modo più efficiente l’infrastruttura di rete, sia in zone urbane sia in aree rurali.

Per quanto riguarda la potenziale operazione di aggregazione, Vodafone e Tim hanno concordato di valutare una potenziale transazione che permetta di consolidare in una sola entità le loro circa 22.000 torri di telecomunicazione in Italia, aggregando le infrastrutture passive di rete di Vodafone con quelle di Infrastrutture Wireless Italiane (“Inwit”), società quotata in borsa e controllata al 60% da Tim. L’aggregazione sarebbe strutturata in modo da creare valore per tutte le parti coinvolte. Le società intendono valutare l’opportunità, ove possibile, di spostare nel tempo sull’infrastruttura della nuova società le apparecchiature di rete attive attualmente ospitate su torri di terzi. La ampliata infrastruttura delle torri continuerebbe a perseguire l’obbiettivo di incrementare l’ospitalità di altri operatori, per generare ulteriori efficienze.

La potenziale aggregazione sarebbe strutturata in modo tale da attribuire a Vodafone e Tim la stessa partecipazione nel capitale e pari diritti di governance in Inwit, oltre che consentire alle parti di non dover lanciare un’offerta pubblica di acquisto sulle azioni di Inwit.

L’iniziativa nel suo complesso mira a promuovere la concorrenza nel settore e facilita un contesto aperto per lo sviluppo del 5G.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

T
TIM
T
torri
V
Vodafone

Articolo 1 di 5