I PIANI PER IL 2024

Tlc, le big telco europee sulla stessa barca. I conti migliorano ma non tornano

Telefonica e Deutsche Telekom credono nella ripresa. Ma la riorganizzazione è necessaria e comporta tagli pesanti per far fronte alle perdite e recuperare marginalità. Soffre la connettività, riflettori sulle soluzioni digitali per l’enterprise

Pubblicato il 26 Feb 2024

Telecommunication,Tower,For,2g,3g,4g,5g,Network,During,Sunset.

L’uscita dalla crisi passa attraverso la creazione di nuovo valore per le telco europee. Ma se realtà come Telefonica e Deutsche Telekom credono nella ripresa, è altrettanto vero che la riorganizzazione è necessaria e comporta tagli pesanti per far fronte alle perdite e recuperare marginalità.

Telefonica chiude in perdita, a pesare sono i licenziamenti

La spagnola Telefonica ha chiuso il 2023 con perdite per 892 milioni di euro. Secondo quanto indicato dalla compagnia, questi risultati sono dovuti ai costi del programma di licenziamenti in Spagna concordato con i sindacati, nonché una revisione contabile delle attività nel Regno Unito, dove opera in joint venture con Virgin. Telefonica ha evidenziato nei suoi conti inviati alla Commissione nazionale spagnola del mercato dei valori (Cnmv) che se questi effetti fossero stati eliminati, avrebbe ottenuto un utile netto di 2,3 miliardi di euro, il 17 per cento in più rispetto al 2022. Il gruppo stima in 1,1 miliardi di euro l’impatto sui conti annuali della riduzione del personale in Spagna, che riguarda 3.421 dipendenti e che è già stata coperta da uscite volontarie.

Nella sua dichiarazione che copre l’intero 2023, l’esecutivo ha sottolineato di aver raggiunto gli obiettivi finanziari, tornando alla crescita e aumentando la redditività, sottolineando anche una continua spinta per aumentare il suo impatto sociale. Tuttavia, in termini di profitti, la società ha registrato una perdita netta attribuibile agli azionisti di 2,2 miliardi di euro nel quarto trimestre e di 892 milioni di euro durante l’anno su voci una tantum. Ciò a fronte di un utile di 525 milioni di euro nel quarto trimestre del 2022 e di 2 miliardi di euro per l’intero anno. I ricavi sono rimasti stabili a 10,2 miliardi di euro nel quarto trimestre e in crescita dell’1,6% durante l’anno a 40,7 miliardi di euro. Tra le svalutazioni figurava un accantonamento per un piano di licenziamento dei dipendenti in Spagna e una svalutazione dell’avviamento di VMO2 derivante “dall’aumento dei tassi di sconto e delle condizioni macroeconomiche nel Regno Unito”. In totale, la società ha registrato più di 1,1 milioni di euro di costi di ristrutturazione nel quarto trimestre e 1,7 miliardi di euro di altri oneri, inclusa la somma VMO2. 

Focus sulle reti intelligenti di prossima generazione

Durante lo scorso anno, l’azienda ha continuato a progredire attivamente nella trasformazione delle sue reti intelligenti di prossima generazione. Con l’applicazione di tecnologie come l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico, Telefónica continua a esplorare e implementare soluzioni che le consentono di prendere decisioni in modo più rapido ed efficiente, migliorando in definitiva la sua posizione competitiva, l’allocazione del CapEx e il risparmio sui costi.

Questo processo ha facilitato l’accelerazione dell’implementazione della fibra e del 5G, nonché lo spegnimento della rete in rame, previsto per il prossimo aprile, in coincidenza con il Centenario di Telefónica. L’azienda mantiene la propria posizione di leader globale nella fibra con una copertura di 173,1 milioni di locali transitati con reti a banda ultralarga (+3%), di cui complessivamente 74,3 milioni in fibra (+14%). Per quanto riguarda il 5G, la copertura ha continuato a crescere fino a raggiungere l’87% della popolazione in Spagna, il 94% in Germania, il 48% in Brasile e il 51% nel Regno Unito. Inoltre, l’azienda ha già lanciato il 5G+ in Spagna, Germania e Brasile, e lo farà anche nel Regno Unito nei prossimi mesi.

Crescita, Redditività e Sostenibilità le parole d’ordine del 2024

Nel 2024 il Gruppo affronta il primo anno completo del suo nuovo piano strategico, noto come Gps, che sta per Crescita, Redditività e Sostenibilità, le tre leve che guideranno la gestione nel prossimo triennio (2024-2026) e che si concentrerà sulla crescita del free cash flow (Fcf).

“Telefónica continua a portare avanti la sua tabella di marcia, senza fermarsi di fronte all’incertezza macroeconomica globale, con l’ambizione e la determinazione necessarie per completare il processo di trasformazione operativa avviato nel 2016. Nel 2023, Telefónica ha raggiunto tutti i suoi obiettivi finanziari e sta affrontando con risolutezza gli impegni stabiliti nel il nostro piano strategico Gps per continuare a costruire una nuova Telefónica e guidare la nuova era digitale”, ha affermato il presidente di Telefónica José María Álvarez-Pallete. E aggiunge: “L’azienda è tornata a crescere, con una redditività più elevata e, soprattutto, in modo più sostenibile. I ricavi sono in crescita e la generazione di cassa rimane robusta, permettendoci di coprire comodamente il dividendo di 0,30 euro per azione interamente in contanti. Inoltre, Telefónica continua ad aumentare il suo impatto sociale attraverso la connettività avanzata fornita dalle nostre reti intelligenti all’avanguardia, garantendo il miglior servizio ai nostri clienti”.

Deutsche Telekom: l’utile scende a 1,83 miliardi

Secondo il quadro delineato da Deutsche Telekom a conclusione del quarto trimestre, il gruppo tedesco ha realizzato un utile netto di 1,83 miliardi di euro, in calo rispetto a 1,99 miliardi di euro dello stesso periodo dell’anno scorso. I ricavi sono diminuiti dell’1,3% a 29,37 miliardi di euro, ma i ricavi dei servizi sono aumentati dello 0,7%, con la crescita in Germania e in altri mercati europei che hanno compensato un calo negli Stati Uniti. L’Ebitda rettificato trimestrale dopo i contratti di locazione è aumentato dello 0,5% a 10,01 miliardi di euro. La telco ha anche dichiarato che nel 2024 prevede una crescita dell’ebitda after leasing del 6% su base annua e ha stimato che l’utile per azione rettificato crescerà del 10% a oltre 1,75 euro.

Deutsche Telekom fa sapere di aver raggiunto nel 2023 i suoi obiettivi, che nel corso dell’anno erano stati più volte aumentati. In termini organici, ovvero escludendo le fluttuazioni dei tassi di cambio e le variazioni nella composizione del gruppo, il fatturato netto è aumentato dello 0,6% a 112,0 miliardi di euro. I ricavi da servizi più importanti sono cresciuti in termini organici del 3,6% a 92,9 miliardi di euro.  L’Ebitda Al rettificato è aumentato del 4,0% in termini organici a 40,5 miliardi di euro. Il free cash flow AL del Gruppo è aumentato del 40,7% su base annua raggiungendo 16,1 miliardi di euro nel 2023.
Nelle previsioni per il 2024, il Gruppo prevede che l’Ebitda Al rettificato aumenterà di circa il 6% a circa 42,9 miliardi di euro. Si prevede che il free cash flow AL aumenterà di circa il 16% a circa 18,9 miliardi di euro. Per quanto riguarda l’utile per azione rettificato, Deutsche Telekom prevede un aumento di circa il 10% a oltre 1,75 euro.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5