L'EDITORIALE

Tlc, tutti i nodi al pettine. E il più intricato riguarda il Pnrr

Timeline ferrea per la realizzazione, con fondi pubblici, delle nuove reti fisse e mobili. Mancano migliaia di addetti e difficilmente si potranno reperire sul mercato in tempi stretti. E spunta un’altra questione: la maggior parte delle risorse sta “migrando” verso il Sud, un ribaltamento inedito che impatterà sui cantieri al via

16 Giu 2022

Mila Fiordalisi

Direttore

banda-ultralarga-cantiere-fibra

I nodi sono già venuti al pettine negli anni scorsi e nei prossimi mesi il groviglio rischia di farsi decisamente più intricato. Le gare per la banda ultralarga fissa e mobile nell’ambito del Pnrr sono state praticamente tutte assegnate e dunque ora bisognerà passare alla fase operativa. La fase più complessa considerato che sulla strada c’è un ostacolo a dir poco insormontabile: mancano all’appello migliaia di addetti per la posa delle nuove infrastrutture.

Qualcuno lega la difficoltà al Superbonus 110, ossia alla mancata disponibilità di addetti per gli scavi (fondamentali nell’ambito dell’infrastrutturazione in fibra) ma seppur questo elemento si fosse aggiunto alla lunga lista degli ostacoli, a partire da quelli legate agli iter autorizzativi – non del tutto sanati nonostante i decreti semplificazioni e anzi in parte addirittura complicati con i nuovi obblighi di coinvestimento in capo alle telco nelle aree di cantieri comuni – la verità è che la mancanza di risorse è questione annosa, mai affrontata con serietà.

La questione della mancanza di risorse oltre a essere dovuta a inadeguati percorsi formativi e al contenimento costi da parte delle telco – al netto di qualche mosca bianca tutte stanno tagliando e taglieranno risorse-  va legata ad un’altra importante questione anch’essa mai sanata: quella dei subappalti a costi stracciati che si riversa inevitabilmente sul personale alias sulle remunerazioni degli addetti in “trincea”. Nel corso degli ultimi anni, a partire dalla pandemia e quindi dai lockdown si è innescato un nuovo fenomeno: un processo migratorio dal Nord verso il Sud di molte risorse. Per le imprese di rete ciò comporta un carico aggiuntivo non da poco: le risorse devono essere mobilitate nei cantieri di volta in volta a seconda delle commesse poiché spesso introvabili in loco soprattutto in alcune aree del Paese e pare che il fenomeno si stia facendo sentire soprattutto nel settentrione. Il che si traduce in costi extra per vitto e alloggio e peraltro non tutti gli addetti sono disposti a trasferte a fronte di paghe che spesso e volentieri non valgono la pena.

Ci si chiede se il Governo abbia davvero presente la questione e come intenda affrontarla. Ci sono iniziative interessanti e socialmente lodevoli al vaglio, a partire da quella che riguarda la formazione e l’impiego sul campo dei detenuti. Ma quanti detenuti si potranno formare e utilizzare davvero? Come e chi gestirà le questioni legate alla sicurezza? E al netto delle “emergenze” come ci si intende organizzare per gli anni a venire? Si attendono da anni risposte.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5g
B
banda ultralarga
C
competenze

Articolo 1 di 5