Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

“Tralicci agli operatori wireless per abbattere il digital gap”

La proposta porta la firma del responsabile servizi informativi della Provincia di Roma, Francesco Maria Loriga: “Zone escluse dall’Adsl a causa dei doppini usurati. Con il wireless banda larga subito”

21 Mag 2010

Mettere a disposizione degli operatori mobili e del Wimax
infrastrutture pubbliche, quali i tralicci, per consentire di
portare la banda larga in modalità wireless nelle aree a
fallimento di mercato, dove la fibra ottica non arriverà mai.
Questa la proposta lanciata a Catania, in occasione del convegno
sulla banda larga promosso dall'Upi, da Francesco Maria Loriga,
responsabile servizi informativi della Provincia di Roma.

Ci sono zone con centrali dotate di fibra ottica e comunque escluse
dall'Adsl a causa di doppini troppo lunghi o usurati – è
quanto emerso durante il convegno -. Il problema dei doppini troppo
lunghi o usurati infatti non è risolvibile nei prossimi anni se
non con il wireless. Servirebbe sostituire i doppini con la fibra
ottica nelle case, ma, secondo i piani degli operatori, ciò si
potrà fare solo nelle grandi città.

"Una rete nazionale in fibra ottica realizzata con il supporto
di tutti i grandi operatori ed al servizio di tutti i cittadini che
promette performance e diminuzione del digital divide italiano.
Auspicabile, ma sarebbe un errore, però, ritenere la questione
risolta – ha dichiarato Vincenzo Franza, Presidente di Mandarin,
società che offre il Wimax in Sicilia -. I costi di un intervento
cosi imponente, gli inconvenienti legati alla realizzazione ed i
tempi che, nella più rosea delle ipotesi, non saranno inferiori ai
cinque anni, lasciano oggi il paese nello stesso stato di
sufficienza digitale a cui molti, purtroppo, si sono rassegnati.
Per questo è necessario spingere sulle infrastrutture wireless.
Una scelta complementare creerà una maggiore domanda facendo
conoscere i benefici della banda larga ai comuni finora isolati e
che rimarrà come una valida risposta in tutte quelle zone in cui
la fibra non arriverà mai".