Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ue, prefisso unico per le aziende: via alla consultazione

La Commissione europea apre un sondaggio per verificare il gradimento sull’utilizzo di un numero ad hoc per il “buiness” valido in tutti gli Stati membri

06 Dic 2010

In una consultazione pubblica avviata oggi, la Commissione europea
chiede a imprese, consumatori, operatori delle telecomunicazioni e
autorità pubbliche se ritengono utile disporre di un sistema che
consentirebbe alle imprese europee di avere lo stesso numero di
telefono in tutti gli Stati membri dell'Ue. Secondo le norme
europee in materia di telecomunicazioni, l'introduzione di un
sistema armonizzato di numerazione per le imprese potrebbe seguire
due vie: da un lato, si potrebbe introdurre un numero europeo breve
(ad esempio che inizi con 115) riservato alle imprese.

Come descritto nell'Agenda digitale europea, l'uso di
numeri di telefono uguali in tutta l'Ue potrebbe rafforzare il
mercato unico (IP/10/581, MEMO/10/199 e MEMO/10/200). Un numero di
telefono valido in tutta l'Ue potrebbe aiutare le imprese
europee a effettuare vendite transfrontaliere con più facilità e
agevolerebbe l'accesso ai servizi post-vendita; i clienti poi
potrebbero contattare le imprese con la stessa facilità
indipendentemente dal luogo in cui si trovano.

La consultazione aiuterà la Commissione a valutare la domanda di
numeri di telefono aziendali europei e, se necessario, a formulare
proposte di iniziative per l'introduzione di tali numeri. La
consultazione si chiuderà il 28 febbraio 2011.

Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea e
commissaria responsabile per l'Agenda digitale, ha dichiarato a
questo proposito: "Oggi le imprese sono costrette ad avere un
numero di telefono diverso in ogni Stato membro in cui hanno
clienti che potrebbero contattarle. Questo ostacola la
predisposizione di servizi paneuropei per la loro clientela. Invito
tutte le parti interessate ad aiutarci a definire una strategia che
tenga conto delle esigenze delle imprese e faciliti l'accesso
da parte dei clienti.".

Attualmente le imprese che desiderano poter essere raggiunte da
diversi Stati membri non possono disporre di un numero uguale in
tutta l'Ue, devono invece utilizzare numeri nazionali o numeri
"professionali" diversi non legati all'ubicazione
geografica (come ad esempio i numeri con prefisso 0800) in ciascuno
Stato membro in cui sono attive. Questo comporta costi aggiuntivi
sia per le imprese che per i consumatori e ostacola lo sviluppo del
mercato unico europeo. Spesso i numeri non geografici attivi in uno
Stato membro non sono raggiungibili da un altro Stato membro.

La consultazione promossa dalla Commissione comprende domande sulla
frammentazione del mercato, le possibili modalità per armonizzare
i numeri di telefono, le esigenze del mercato per il futuro e la
gestione dei numeri. I partecipanti hanno tempo fino al 28 febbraio
2011 per esprimere il proprio parere sulla strategia in materia di
numeri di telefono che contribuirebbe maggiormente allo sviluppo
del mercato unico.

La Commissione analizzerà le risposte pervenute e prenderà
successivamente una decisione nella quale saranno delineati gli
approcci più adeguati in materia di politica di numerazione al
fine di potenziare il mercato unico.

Contesto: I numeri di telefono nell'Ue sono gestiti a livello
nazionale dalle autorità di regolamentazione degli Stati membri,
che assegnano i numeri secondo i loro piani di numerazione
nazionali. Nell'Ue prevalgono pertanto i sistemi nazionali di
assegnazione dei numeri.

Secondo le norme europee in materia di telecomunicazioni,
l'introduzione di un sistema armonizzato di numerazione per le
imprese potrebbe seguire due vie: da un lato, si potrebbe
introdurre un numero europeo breve (ad esempio che inizi con 115)
riservato alle imprese. Si tratta di numeri brevi e facili da
ricordare che consentirebbero di identificare un'impresa in
modo univoco in tutta Europa. Oppure, si potrebbero adottare misure
volte a promuovere l'adozione di un prefisso telefonico europeo
(+3883) nell'ambito dello spazio di numerazione telefonica
europeo (Etns). I numeri telefonici aziendali potrebbero essere
formati dal prefisso +3883 seguito da un numero telefonico identico
in tutti gli Stati membri.

Nel 2000 la International Telecommunication Unione (Itu) ha tentato
di introdurre uno spazio di numerazione telefonica europeo. Il
sistema prevedeva l'assegnazione del prefisso +3883 a 24 paesi
europei nell'ottica di creare uno spazio di numerazione
telefonica europeo (Etns), il cui obiettivo era promuovere servizi
paneuropei mettendo a disposizione numeri telefonici laddove i
numeri nazionali o mondiali non fossero disponibili o adeguati.
L'intento era permettere alle società, alle organizzazioni e
ai singoli cittadini europei di facilitare l'accesso ai loro
servizi nell'insieme dell'Europa, ma la scadenza del
sistema è prevista per il 31 dicembre prossimo.