Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Uk, banda larga mobile per tutti i cittadini

Consultazione pubblica in vista dell’asta delle frequenze del dividendo digitale. Obiettivo: estendere la copertura dell’Internet wireless al 90% del Paese

20 Ott 2009

Estendere la copertura della banda larga mobile al 90% del Paese. E
stimolare la diffusione dell' Internet wireless mettendo
all’asta nuove porzioni di spettro: queste le proposte che il
governo britannico ha sottoposto a consultazione pubblica fino al
prossimo 8 gennaio.

Il Department for business innovation and skills (Bis) intende
implementare le raccomandazioni dell’Independent spectrum broker
(Isb), Kip Meek, sul modo migliore di utilizzare lo spettro
assegnato.

La consultazione dovrà valutare innanzitutto la proposta del
governo di collaborare con il regolatore delle telecomunicazioni
Ofcom per liberare e mettere a gara il prima possibile la banda a
800-MHz. Le frequenze del “digital dividend”, dovrebbero
tornare disponibili una volta liberate dagli operatori della tv
terrestre in Uk. Londra intende tenere un’asta combinata che
includerà anche lo spettro dei 2.5 GHz, per aprire la strada ai
nuovi servizi Wimax.

Un’altra raccomandazione del Bis riguarda la liberalizzazione
dell’uso dello spettro 2G per permettere agli operatori mobili
del Paese di usare le frequenze della banda a 900 MHz e 1800 MHz
per i servizi di mobile broadband. Soddisfatto il ministro per la
Digitalizzazione Stephen Timms, che loda il lavoro fatto da Meek.
"Questo pacchetto libererà nuove frequenze per l’espansione
dei servizi wireless e 3G, permettendo di raggiungere più utenti e
aziende, fino al 90% della nazione, incluse le comunità rurali”,
ha dichiarato Timms. Il governo ha anche proposto una serie di
“spectrum caps” per le future gare: un limite allo spettro che
gli operatori controllano per evitare monopoli e posizioni
dominanti. In pratica, verrebbe ridotto lo spettro totale che un
operatore può possedere a due blocchi di 65 MHz, mentre dei
“tetti” separati verrebbero applicati alle frequenze di alcune
specifiche bande dello spettro.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link