Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Usa, il grande sorpasso: si scambiano più dati che voce

La voce rappresenta meno della metà del traffico mobile. Crescono navigazione Internet, scambio di e-mail e sms, servizi di intrattenimento. Design e piani tariffari si adeguano

14 Mag 2010

Americani e cellulari, storia di un successo poco scontato. E la
grande novità è che gli statunitensi al telefonino parlano poco
e, invece, fanno grande uso di tutte le applicazioni di
messaggistica e scambio dati. A cominciare dagli sms: secondo il
nuovo studio di Pew Center, la metà dei giovani Usa (12-17 anni)
invia almeno 1.500 sms al mese e uno su tre ne manda almeno 100 al
giorno, ovvero 3.000 al mese. Uno su sette arriva a sperdirne 200
al dì. E sono le ragazze le più attive sulla tastiera del
telefonino.

Ma il successo degli sms è solo il segnale di un trend che vede
sempre meno importante lo scambio di servizi voce. Infatti, anche
se la penetrazione dei telefonini negli States è ormai altissima
(quasi il 90% delle abitazioni americane possiede un cellulare), i
minuti di conversazione usati sono rimasti invariati negli ultimi
anni – e ciò nonostante molte famiglie stacchino il telefono
fisso per adottare esclusivamente quello mobile.

Per gli americani, il cellulare si identifica con le “extra
features” che offrono in particolare gli smartphone, come iPhone
e BlackBerry: navigazione Internet, ascolto di musica, programmi
tv, giochi, invio e ricezione di e-mail e, appunto, sms. Il numero
di messaggini mandati per utente è aumentato di quasi il 50% negli
Usa lo scorso anno, secondo la Ctia, l’associazione
dell’industria del wireless americana. E per la prima volta nel
2009 la quantità di dati scambiati con messaggi e-mail e di testo,
streaming video, musica e altri servizi sui cellulari ha superato i
servizi voce.

“All’inizio parlare era l’unica applicazione dei
telefonini”, nota Dan Hesse, chief executive di Sprint Nextel.
“Oggi la voce rappresenta meno della metà del traffico sulle
reti mobili”. Non che le telefonate stiano sparendo – tra
l’altro costano sempre meno, grazie all'agguerrita
concorrenza tra concorrenti del wireless. Ma i dati della Ctia
indicano che il numero medio di minuti voce per utente negli Usa
sta diminuendo: la durata della chiamata-tipo locale era di 1,81
minuti nel 2009, contro i 2,27 minuti del 2008. I sistemi tariffari
dei carrier finiranno con l’adeguarsi: Hesse prevede che entro un
paio d’anni gli utenti mobili pagheranno in base ai dati che
usano e non ai minuti di conversazione.

Ma anche il design dei telefonini cambia. Ross Rubin, analista del
settore telecom del gruppo Npd, fa notare che i cellulari con
tastiere numeriche non sono più di moda: ora è il momento dei
touchscreen e dei device che rendono più facile e veloce scrivere,
per esempio con tastiere di tipo “qwerty”. “Il design di
cellulari e smartphone è sempre meno pensato per digitare numeri e
parlare”, afferma Rubin.