Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

RUMORS

Vivendi, Bollorè punta al ruolo di Ceo

Il tycoon francese, primo azionista con una quota del 5% circa, determinato a prendere il timone del gruppo in vista della rifocalizzazione sul settore media

09 Set 2013

P.A.

Vincent Bollorè punta ad assumere il ruolo vacante di amministratore delegato del conglomerato francese Vivendi, di cui è il primo azionista con una quota del 5% circa. Lo riferiscono fonti vicine alla società, riportate dall’agenzia Dow Jones, precisando che il finanziere è sempre più determinato ad assumere un ruolo di primo piano nel processo di trasformazione di Vivendi, dal quale dovrebbe emergere un gruppo più piccolo e concentrato prevalentemente nel settore media.

Già lo scorso mese di luglio sono trapelate voci, riportate dal Wall Street Journal, secondo cui Vivendi starebbe valutando lo spin off dell’operatore mobile Sfr, per concentrarsi sul settore dei media e dell’entertainment, dove controlla Universal Music Group e la pay tv francese Canal Plus. Sulla performance di Sfr pesa la concorrenza dell’operatore low cost Free Mobile.

Dopo l’addio del presidente Jean-Bernard Levy dello scorso anno a causa di divergenze circa la strategia da seguire per il rilancio societario, Vivendi è stata amministrata da una struttura manageriale temporanea, con Jean-Rene Fourtou nel ruolo di presidente e un suo braccio destro in quello di amministratore delegato. Tuttavia, la necessità di nominare un presidente e un Ceo definitivi si sta facendo sempre più stringente, specialmente in una fase in cui ci sono in ballo due trattative con cui la società potrebbe raccogliere 14 miliardi di dollari in contanti. Una di queste, è appunto lo scorporo dell’operatore telefonico francese Sfr, che rappresenta anche la maggior fonte di ricavi del gruppo, nell’ambito del piano teso a ridurre l’esposizione al mercato delle tlc per aumentare quella nel segmento media.

Il consigliere Bollorè era tra i papabili candidati per la presidenza di Vivendi ma il desiderio di guidare in prima persona la delicata transizione della società lo ha convinto a candidarsi per la poltrona di amministratore delegato, hanno aggiunto le fonti rimaste anonime. Dopodomani, una commissione speciale del Cda di Vivendi si riunirà per affrontare la questione della ricerca del nuovo top manager e già a fine mese è fissata una riunione dell’intero Cda durante la quale potrebbe essere ufficializzata la scelta di Bollorè, hanno concluso le fonti.