Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Vodafone accorcia le distanze con Telecom

Un’analisi di Milano Finanza fa il punto su conti e sim delle due telco. Drasticamente ridotto il gap fra le sim attive: nel 2008 Tim vantava un vantaggio di 6,6 milioni di schede, nel 2009 si è scesi a un milione. Vodafone è già avanti sul traffico di rete

16 Mar 2010

Vodafone e Telecom. L’eterno inseguitore e l’ex monopolista.
Nel campo delle telecomunicazioni mobili la società guidata da
Paolo Bertoluzzo è sempre più vicina a Telecom. A rivelarlo un
articolo di Andrea Bassi su Milano Finanza, anticipato oggi da
Dagospia.

“Le distanze sono ormai talmente ravvicinate che, secondo alcuni
analisti, ad aprile, quando saranno comunicati i dati di bilancio,
Vodafone potrebbe annunciare lo storico sorpasso”, rivela
l’articolo. Il quotidiano finanziario ha messo insieme i
principali numeri dei due operatori.

Il primo dato è la riduzione dello scarto fra sim attive. “Nel
2007 la differenza fra Tim e Vodafone era di 6,6 milioni di schede.
Nel 2009 si è accorciata fino a scendere al milione di sim”.
Tuttavia, spiega il quotidiano, mentre Vodafone è rimasta
sostanzialmente stabile nel corso degli ultimi anni, la società di
Franco Bernabè ha fatto una profonda pulizia cancellando circa 5
milioni di sim attive. “Per questo il dato delle sim pare poco
importante come parametro per valutare lo stato di salute delle
aziende”.

Per quanto riguarda il traffico di rete, “Vodafone ha superato
Tim già nel 2008 (52,7 miliardi di minuti per Vodafone contro i
49,7 della Tim). E nel 2009 questa forbice dovrebbe essersi
allargata”. Tim mantiene però la leadership sul fronte del
fatturato. “Ma anche qui – spiega l’articolo – le distanze
si sono drasticamente accorciate a causa della caduta dei ricavi
del mobile di Tim, che tra il 2008 e il 2009 sono scesi dell’11%
passando da 9,683 a 8,603 miliardi, contro un fatturato di Vodafone
che nello stesso periodo è cresciuto da 7,987 a 8,030 miliardi”.
Una differenza, dunque, di soli 600 milioni.

Il perché di questa performance del mobile di Tim lo ha spiegato
lo stesso Bernabè in una conference call con gli analisti, dicendo
che “la nuova strategia focalizzata sui servizi piuttosto che
sulla vendita di apparecchi ha portato ad una riduzione drastica
dei cellulari venduti”. Quindi, per un confronto più
attendibile, Milano Finanza ha deciso di raffrontare il fatturato
nei servizi di Telecom con quello di Vodafone. “Nel 2009 i ricavi
da servizi di Tim ammontano a 8,121 miliardi, quelli di Vodafone a
7,72 miliardi. Solo 400 milioni separano i due contendenti, e nel
2007 Tim staccava Vodafone di ben 2 miliardi”.

Una Vodafone, dunque, sempre più vicina all’ex monopolista della
Rete.