Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OVER THE TOP

WhatsApp, scatta l’abbonamento anche su iPhone

Il servizio di messaggistica gratuito pronto ad introdurre un mini balzello di 80 centesimi all’anno, allineando gli smartphone Apple al modello a pagamento già introdotto per Android e Blackberry

18 Mar 2013

Scatta entro l’anno l’introduzuione dell’abbonamento annuale per utilizzare WhatsApp anche sul sistema operativo iOS di iPhone: la app che consente di inviare messaggi gratis, sfruttando la connessione a internet, ai contatti iscritti alla piattaforma sarà disponibile per i nuovi utenti dietro pagamento di abbonamento annuale entro il 2013. La formula dell’abbonamento per l’uso del servizio fornito dall’over the top è già stata introdotta per altri smartphone che girano su sistemi operativi diversi da wquelli della Mela: Android di Google, Blackberry e Windows 8.

Lo ha detto Jan Koum, amministratore delegato della società in un’ intervista a TechCrunch. Il nuovo modello di sottoscrizione sarà simile a quello già attivo per le applicazioni di WhatsApp su altre piattaforme, come Android e Blackberry.

Il costo dovrebbe quindi aggirarsi intorno ad un dollaro all’anno (circa 80 centesimi di euro). WhatsApp è una delle app per inviare messaggi più popolari su iPhone, sempre ai primi posti fra le app a pagamento più acquistate. Si calcola che i messaggi inviati ogni giorno con questo sistema, da parte dell’ intera plaeta, siano 17 miliardi. Gli utilizzatori Android sono oltre 100 milioni. Al momento i possessori di iPhone pagano l’applicazione 89 centesimi solo al momento del download. Invece gli utenti di smartphone con i sistemi operativi di Microsoft, Google e Blackberry la scaricano gratis ma dopo 12 mesi pagano 79 centesimi l’ anno per mantenerne l’ utilizzo.

Negli ultimi tempi, tuttavia, WhatsApp ha dovuto fare i conti con concorrenti sempre più agguerriti, come ad esempio l’applicazione Line e KakaoTalk. Non è chiaro a che punto la compagnia possa operare queste modifiche su iOS, ma stando alle dichiarazioni del Ceo accadrà sicuramente entro quest’anno.