Wind, Ibarra: "Riflettere sull'uso della tecnologia" - CorCom

MARKETING

Wind, Ibarra: “Riflettere sull’uso della tecnologia”

Al via la nuova campagna istituzionale di Wind con il video online “Con i tuoi occhi”. L’Ad: “L’hi-tech pervade sempre più la nostra vita quotidiana, ma ci sono momenti ed emozioni da ‘salvare'”

10 Ago 2016

A.S.

Con i tuoi occhi” è il nuovo film, online dall’8 agosto, che inaugura la nuova campagna istituzionale di Wind incentrata sul rapporto fra uomo e tecnologia. “E’ una nuova storia che vuole regalare agli spettatori un momento di riflessione sull’uso della tecnologia che pervade sempre più la nostra vita quotidiana – spiega l’Ad di Wind, Maximo Ibarra – Un racconto semplice e delicato, con cui Wind ricorda che ci sono momenti ed emozioni che è bello vivere, senza nessun filtro. Momenti ed emozioni da ‘salvare’ solo dentro di noi”.

Il nuovo film istituzionale, realizzato con la collaborazione di Ogilvy&Mather Advertising, dopo i due precedenti “Papà,” e “Una grande giornata”, si rivolge, in particolar modo, ai più giovani, che tendono a privilegiare, forse in modo eccessivo – si legge in una nota dell’operatore – l’uso dei device mobili per costruirsi il proprio mondo di relazioni, perdendo di vista, a volte, l’importanza di un contatto, di un incontro e del piacere di stare insieme”.

Protagonista di questo nuovo film è un’adolescente: una ragazza vivace, curiosa e attenta a ciò che le accade intorno, ma costantemente connessa e sempre concentrata sul proprio smartphone. Naviga, chatta e, soprattutto, posta tutto ciò che fotografa, per ricordare ogni occasione particolare. Solo quando si trova di fronte ad una forte emozione, proseguel il comunicato, il saggio di danza della sorellina, decide, finalmente, di rinunciare allo smartphone, per vivere fino in fondo questo momento.

Colonna sonora del film è il brano “To Love Somebody” di Eagle-Eye Cherry. Alla regia Giuseppe Capotondi che, dopo “Papà,” e “Una grande giornata”, firma anche il terzo cortometraggio di Wind.

Argomenti trattati

Approfondimenti

M
maximo ibarra