Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Wind, riprende quota l’ipotesi co-siting

Secondo indiscrezioni l’operatore starebbe valutando la possibilità di aggregare le proprie torri di trasmissione con quelle dei competitor. Telecom Italia smentisce

26 Ott 2011

Wind starebbe guardando a un’ipotesi di aggregazione fra le sue
torri e quelle di altre aziende in un’unica società. Il Sole 24
Ore scrive che l’azienda guidata da Ossama Bessada starebbe
discutendo in fase preliminare del progetto con diversi gruppi
telefonici, tra cui Telecom Italia.

Sul tema i diretti interessati restano cauti – no comment di Wind
mentre Telecom ha seccamente smentito – ma il tema della
condivisione delle infrastrutture sembra pronto a ripartire e
starebbe tornando d’attualità sul mercato, in vista del
deployment dei network Lte.

Secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore, già nel 2008 Wind e 3
Italia avevano conferito le loro torri ad una newco chiamata Eiffel
per cedere la maggiornaza, ma la vendita era stata poi accantonata.
Eiffel era stata valorizzata fra 1,5 e 2 miliardi di euro.

Dopo gli ingenti investimenti per 4 miliardi nell’asta per le
frequenze 4G, gli operatori cercano ora la strada di ridurre i
costi.